Orari controllo Inps 2015: quali sanzioni in caso di assenza?

Orari visita fiscale 2015 dipendenti privati e pubblici

Una recente circolare Inps ha modificato le disposizioni in materia di visite medico fiscali. Tra i principali cambiamenti troviamo i nuovi orari controllo Inps per le visite medico fiscali, una tipologia di accertamento, prevista dallo Statuto dei Lavoratori e volta a verificare l’effettiva esistenza della patologia certificata. Tali controlli possono essere predisposti sia dal datore, che dall’Inps e prevedono fasce orarie diverse per dipendenti pubblici e privati.

Per non incorrere in sanzioni o provvedimenti disciplinari, i dipendenti pubblici assenti per malattia devono essere reperibili presso il proprio domicilio, o in altro indirizzo indicato nel certificato medico che definisce l’inizio del periodo di malattia, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. La reperibilità è in vigore 7 giorni su 7, festivi inclusi.

Per i dipendenti privati invece gli orari controllo Inps vanno dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19. Anche in questo caso l’obbligo di reperibilità vige tutti i giorni.

Quando e come inviare all’Inps certificati malattia

È ben precisare che, in caso di malattia, il dipendente al dipendete spettano diversi adempimenti per dimostrare la legittimità dell’assenza dal posto di lavoro. Innanzitutto deve richiedere al medico curante di redigere un certificato di malattia e di inviarlo telematicamente all’Inps, entro il giorno successivo all’inizio dell’assenza.

Il dipendente deve inoltre trasmette al datore di lavoro una copia cartacea, o l’identificativo, del certificato medico entro due giorni dalla data in cui è stato redatto, a prescindere dalla durata dell’assenza. La nuova normativa Inps ha inoltre modificato la procedura di visita fiscale per i lavoratori che si dichiarano assenti per malattia.

Da quest’anno infatti l’accertamento medico fiscale può essere richiesto per via telematica tramite i servizi Inps online sin dal primo giorno di malattia. Un’opzione disponibile però solo se l’assenza si verifica in giorni immediatamente precedenti o successivi a giornate non lavorative, ossia festività, giornate di riposo infrasettimanale, giorni di permesso, ecc.

Visita fiscale: assenza durante gli orari di reperibilità

Oltre a verificarla, il medico fiscale ha l’obbligo di analizzare la patologia e, se lo ritiene necessario, può protrarre la diagnosi di 48 ore, nonché variarla. Nel caso in cui il medico riduca i giorni di prognosi, il dipendente ha l’obbligo di rientrare anticipatamente a lavoro.

Nei casi di assenza immotivata o impossibilità al controllo nelle fasce orarie previste per la reperibilità, al lavoratore verrà negata la retribuzione spettante per l’assenza in malattia, nella misura del 100% per i primi 10 giorni di patologia e del 50% per le successive giornate. Il dipendente ha 15 giorni per giustificare l’assenza.

L’assenza è da considerarsi legittima se il soggetto si è allontanato dal domicilio per sottoporsi a visite, prestazioni o accertamenti diagnostici. In tal caso questi dovrà fornire una comunicazione preventiva al datore di lavoro, o all’amministrazione presso cui è assunto, a cui dovrà essere allegata l’attestazione di quanto effettuato.

Non è possibile invece invocare a propria difesa il malfunzionamento del citofono, difetti uditivi o qualunque altra incombenza.

 

Licenziamento Giusta Causa

Bonus assunzioni 2016: guida allo sgravio fiscale Bonus assunzioni 2016: cosa cambia con la nuova Stabilità Bonus assunzioni 2016. La nuova legge di stabilità ha riconfermato per il prossimo anno lo sgravio fiscale per chi assume a tempo indeterminato. Un’agevolazione dedicata ai datori di lavoro che assumono personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, introdotto d...
Voucher lavoro, +74,7% rispetto al 2014 Voucher lavoro occasionale: si rischia una nuova frontiera del precariato Oltre 49 milioni di voucher lavoro nel primo semestre del 2015. Sono questi i dati pubblicati dall’Inps in merito all’impennata dei buoni usati per pagare le prestazioni lavorative occasionali: incremento del 74,7% rispetto all’anno precedente. Un evento che manifesta il suc...
Jobs Act cassa integrazione: come funziona la nuova cig Modifiche Job Act cassa integrazione: le norme in vigore dal 24 settembre La nuova cassa integrazione è finalmente in vigore. Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale degli ultimi quattro decreti attuativi, il Jobs act è arrivato al capolinea. Tra le novità introdotte dalla riforma del lavoro non mancano i cambiamenti in materia di cassa integra...
Contratto di somministrazione 2015: guida al lavoro in somministrazione Contratto di somministrazione 2015: come cambia il lavoro interinale La Riforma del lavoro attuata dal Governo Renzi ha modificato le regole del lavoro interinale, che da gennaio prende il nome contratto di somministrazione. Con l’entrata in vigore del Jobs Act e dei suoi decreti attuativi, sono infatti state introdotte importanti novità nella som...
Licenziamenti pubblica amministrazione: ora è più facile Revoca dell’incarico e licenziamenti pubblica amministrazione: nuova delega al ddl Licenziamenti più facili e stretta sulle assenze, con il trasferimento all’Inps dei controlli in caso di malattia. Ruolo unico per i dirigenti, che potranno fare carriera solo se riceveranno valutazioni positive, avranno incarichi a tempo determinato e potranno anch...
Jobs Act conciliazione delle controversie Jobs act conciliazione delle controversie e contratto a tutele crescenti Tra le tante novità apportate dal Jobs Act, troviamo l'introduzione del contratto a tutele crescenti, che ha riscritto la disciplina per i licenziamenti individuali e ha modificato lo strumento della conciliazione, atto a sanare le eventuali controversie tra datore di lavoro ...
Naspi Inps: partono le erogazioni. Ecco come richiederla Naspi Inps domanda: attivate le procedure dal 15 luglio Dal 15 luglio 2015 è possibile usufruire della Naspi. È questa la novità che sta mettendo in moto migliaia di disoccupati italiani per la richiesta della nuova misura di sostengo al reddito. Dopo oltre due mesi di rodaggio, la nuova indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act è divent...
Jobs Act autonomi: il ddl collegato alla stabilità 2016 Jobs Act autonomi: ecco cosa cambierà dal 2016 Gli interessi di mora per i pagamenti effettuati in ritardo si applicheranno anche ai contratti sottoscritti tra imprese e lavoratori autonomi e tra lavoratori autonomi. Le spese di formazione saranno integralmente deducibili entro il limite annuo di 10 mila euro e l'indennità di maternità verrà ricon...
orari controllo Inps