Taglio costo del lavoro 2016

Taglio costo del lavoro per il 2016

Nonostante la riduzione dell’Irap e la decontribuzione triennale per i neoassunti a tempo indeterminato, l’onere fiscale applicato sul lavoro e sul capitale è molto elevato in Italia rispetto agli altri Stati membri dell’UE. A dichiararlo è la Commissione Europea con le ultime raccomandazioni inviate all’Italia: documento di cui il Governo dovrà tenere conto per impostare la prossima legge di bilancio.

Stando alle ultime stime, lo scorso anno l’aliquota è stata pari al 42,8%, la più alta dell’Unione e molto al di sopra della media degli stati membri che si attesta al 36,1. Il cuneo fiscale, ossia la differenza fra le tasse che paga il datore di lavoro e lo stipendio percepito dai suoi dipendenti, è fra i più alti dell’UE. E le manovre applicate dal governo hanno fatto scendere lo scarto con i partner europei solo “di un quarto”.

Taglio costo del lavoro per rilanciare l’economia italiana

I dati sulla crescita nel secondo trimestre del 2015 (che si è attestata allo 0,2%) dicono che la situazione sta migliorando, ma non nella misura prevista dal Governo Renzi. La soluzione per ottenere un significativo aumento della crescita è quella di ridurre il peso fiscale sulle imprese rendendo l’Italia più competitiva agli occhi di potenziali investitori.

Per le decisioni c’è ancora tempo, dato che la legge di Stabilità va depositata in Parlamento entro il 15 ottobre, ma tutte le forze politiche sono già concordi sul fatto che nel 2016 occorrerà una nuova spinta alle assunzioni.

Taglio costo del lavoro confermata la decontribuzione per i neoassunti

Una scelta che però prevede costi enormi. Solo confermare nel 2016 la decontribuzione triennale sui nuovi assunti costa due miliardi, cifra che toccherà i quattro/cinque miliardi di euro per il biennio 2017-2018. Non è poco ma non sarebbe abbastanza per rilinciare l’economia.

Tagliare qualche punto di contribuzione a tutti gli assunti però sarebbe ancora più costoso. Attualmente l’aliquota media è del 33 per cento, e ogni punto in meno costerebbe allo stato fra i due e i tre miliardi. Ma perché il taglio abbia degli effetti visibili sono necessari almeno 4 punti in meno.

Per questo a Palazzo Chigi stanno pensando di confermare la decontribuzione per i nuovi contratti. Una misura che per lasciare il segno e dare una stabilizzazione dei dipendenti precari, però, dovrebbe diventare strutturale. “Per diventare più competitivi abbiamo bisogno di cose semplici, chiare e durature”, fanno sapere dal governo. Intanto Confindustria non chiede di meglio.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento del tecnico dopo scazzottata con Anelka Licenziamento del tecnico dell’Hussein Dey Il mondo del lavoro è una realtà complessa dove convivono esperienze molto diverse, sia per il contesto professionale che in termini di profitto. Ma questo non significa che le cause che portano al licenziamento siano diverse, e in certi casi le incompatibilità caratteriali conducono al peggio, come inseg...
Jobs Act lavoro a tempo parziale più flessibile Jobs Act lavoro a tempo parziale: le nuove regole di flessibilità Il “Codice dei contratti” del Jobs Act modifica la disciplina del lavoro a tempo parziale, intervenendo su aspetti sostanziali. Nello specifico gli artt. 4-12 della sezione I del Capo II del decreto n. 81/2015 (“Lavoro ad orario ridotto e flessibile”) prevedono, in materia di rappor...
Jobs Act salario minimo eliminato: ecco le novità introdotte Jobs Act salario minimo eliminato dai decreti attuativi Era previsto nella delega del Jobs Act, ma è stato poi eliminato con i decreti attuativi. Eppure il salario minimo poteva essere un ottimo strumento per contrastare l’aumento della povertà in Italia. Attualmente, lo ricordiamo, nel nostro paese il salario minimo viene stabilito tramite contra...
Jobs Act assunzioni in aumento: tutto merito dell’estate? Jobs Act assunzioni in crescita a maggio: ecco le ragioni In aumento i rapporti di lavoro in Italia. Lo ha detto il Ministero del Lavoro, dichiarando che a maggio 2015 sono stati sottoscritti 184707 nuovi contratti. Un dato senza dubbio positivo, ma che certo non deve sorprendere. Le nuove assunzioni sono, infatti, piuttosto in linea con quelle re...
Jobs Act politiche attive, addio contratto di ricollocazione Jobs Act politiche attive: il nuovo decreto cancella il contratto di ricollocazione “Un gigante dai piedi d’argilla”. È così che Michele Tiraboschi, coordinatore scientifico del centro studi Adapt e docente di diritto del lavoro all'università di Modena e Reggio Emilia, ha definito l’Agenzia per le politiche attive del lavoro introdotta dal Jobs A...
Dimissioni on line, introdotte con il Jobs Act Dimissioni on line 2015 le nuove regole per la presentazione delle dimissioni volontarie Il Jobs Act ha modificato le regole per le dimissioni dei lavoratori dipendenti. Una decisione che ha creato dibattiti in merito al diritto di dimissioni dal lavoro da parte di alcune associazioni sindacali che temono di veder minati i diritti dei lavoratori. ...
Jobs Act e demansionamento: la questione legittimità Jobs Act e demansionamento: cosa cambia con i nuovi decreti attuativi Con l’approvazione degli ultimi decreti attuativi del Jobs Act è stato introdotto il demansionamento dei lavoratori. Ma cosa significa? Quali sono gli effetti? Il demansionamento consiste nell’assegnazione di mansioni inferiori a quelle per le quali è stato assunto. La normativa...
Contratto di somministrazione 2015: guida al lavoro in somministrazione Contratto di somministrazione 2015: come cambia il lavoro interinale La Riforma del lavoro attuata dal Governo Renzi ha modificato le regole del lavoro interinale, che da gennaio prende il nome contratto di somministrazione. Con l’entrata in vigore del Jobs Act e dei suoi decreti attuativi, sono infatti state introdotte importanti novità nella som...
Taglio costo del lavoro