Voucher lavoro, +74,7% rispetto al 2014

Voucher lavoro occasionale: si rischia una nuova frontiera del precariato

Oltre 49 milioni di voucher lavoro nel primo semestre del 2015. Sono questi i dati pubblicati dall’Inps in merito all’impennata dei buoni usati per pagare le prestazioni lavorative occasionali: incremento del 74,7% rispetto all’anno precedente. Un evento che manifesta il successo di un modello europeo importato in Italia, anche se con differenze sostanziali.

Negli altri Paesi, infatti, i voucher sono rimasti uno strumento circoscritto ai lavori domestici, mentre in Italia l’ambito di applicazione si è esteso a tutti i settori produttivi. Con il Jobs Act poi l’espansione si è rafforzata al punto di far scattare l’allarme.

A maggio il presidente dell’Inps Tito Boeri aveva già annunciato il rischio di aprire una “nuova frontiera del precariato”. Una tesi confermata anche dall’economista Carlo Dell’Aringa che nelle sue ultime dichiarazioni ha ammesso che, se la tendenza sarà confermata, sarà necessario procedere con degli interventi correttivi.

Voucher e lavoro dipendente nei Paesi UE

Analizzando i dati pubblicati dall’Inps, infatti, appare chiaro che il recente aumento dei voucher non è un caso isolato. Tra il 2012 e il 2013, si era già registrato un aumento del 71,3%, mentre l’anno successivo l’incremento è stato del 69,6%. Dall’introduzione dei voucher, sono stati venduti quasi 200 milioni di buoni lavoro, per un valore complessivo di 2 miliardi.

Stando a quanto riportato da uno studio del Cna, nel giro di sei anni (dal 2008 al 2014) il numero di voucher lavoro utilizzati nel mercato del lavoro è aumentato di 129 volte. Una cifra che corrisponde, in termini di ore lavorate, a circa 33 mila posti di lavoro full time. Un utilizzo che contrasta fortemente con la finalità per cui sono stati creati.

I buoni lavoro, infatti, sono stati ideati per pagare prestazioni lavorative occasionali, come servizi domestici e attività agricole stagionali, al fine di ridurre il lavoro in nero. Destinazione che però non si rispecchia nell’attuale utilizzo di questo strumento. Come riporta lo studio Cna, al momento il principale settore di applicazione dei voucher è il commercio, con il 18,2% dei buoni acquistati, seguito poi dai settori dei servizi (14%) e del turismo (12,3%).

Voucher lavoro le nuove applicazioni nel Jobs Act

Lavori domestici e attività agricole non raggiungono nemmeno il 10% dei voucher immessi nel mercato (rispettivamente il 2,6% e il 7,3%). Altro fattore da considerare è che a differenza di quanto accade negli altri Paesi UE, ad esempio in Belgio, dove il lavoratore deve essere dipendente di una società di servizi autorizzata e che nel giro di sei mesi viene assunto a tempo indeterminato, la legge italiana non prevede l’obbligo di assunzione.

Anzi la direzione sembra quella opposta. I voucher, infatti, rischiano di diventare l’unica forma di lavoro per molti cittadini italiani. Un fenomeno definito “preoccupante” dallo stesso che Tito Boeri. Paura che però non sembra essere presa in considerazione dal Governo, che con la Riforma del Lavoro ha esteso questa forma di impiego occasionale, ampliandone il limite massimo.

Con il decreto sul riordino dei contratti, infatti, il reddito massimo percepibile attraverso i voucher è passato da 5 mila a 7 mila euro annui. Somma che però non può essere versata da un solo committente: ogni impresa può pagare a ciascun lavoratore un massimo di 2020 euro all’anno in buoni lavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act congedo parentale a ore, procedura sospesa Jobs Act congedo parentale a ore bloccato: disagi per i genitori italiani Bloccato il congedo parentale a ore. La novità introdotta dal Jobs Act si è fermata prima ancora di partire. Per far sì che questo strumento prenda il via infatti, infatti, è necessario aspettare la relativa circolare dell’Inps. Documento che però, dopo quasi due mesi dall’a...
Licenziato giocatore inglese: sesso con maglia della squadra Licenziato giocatore inglese, punito Jay Hart v giocatore semiprofessionista inglese, che gioca, anzi giocava, come attaccante nel Clitheroe. Il 24enne, peraltro padre di due figli, è stato beccato negli spogliatoi della squadra mentre aveva un rapporto sessuale con una tifosa, con ancora la divisa ufficiale addosso. L’incontro piccante sarebbe...
Licenziamenti tutele crescenti: i primi dopo il Jobs Act Arrivano i primi licenziamenti tutele crescenti: tre operai a casa dopo 8 mesi A meno di un anno dall’entrata in vigore della riforma del lavoro, arrivano i primi licenziamenti con contratto a tutele crescenti. A perdere il posto sono tre operai della cartiera Pigna Envelopes di Tolmezzo (Udine). Assunti a marzo 2015 con il nuovo contratto a te...
Conto corrente online: Migliori offerte per rendimenti giugno 2017 Scegliere un conto corrente online non è mai semplice, anche perché bisogna valutare moltissimi fattori. Ci sono tanti istituti di credito che determinano le migliori offerte per rendimenti giugno 2017. Per fare chiarezza sulla terminologia utilizzata, possiamo dire che il rendimento di un conto corrente è relativo agli interessi che vengono ricono...
Licenziamento patto di prova: gli aspetti normativi Licenziamento patto di prova: come si struttura l’accordo Il patto di prova è utilizzato nel rapporto di lavoro subordinato, per tutelare il datore e il lavoratore che intendono sottoscrivere un contratto tra loro. Si tratta, infatti, di un accordo attraverso il quale entrambe le parti possano verificare la convenienza del rapporto di lavoro. Prop...
Naspi Inps: partono le erogazioni. Ecco come richiederla Naspi Inps domanda: attivate le procedure dal 15 luglio Dal 15 luglio 2015 è possibile usufruire della Naspi. È questa la novità che sta mettendo in moto migliaia di disoccupati italiani per la richiesta della nuova misura di sostengo al reddito. Dopo oltre due mesi di rodaggio, la nuova indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act è divent...
Jobs Act sito governo, la riforma del lavoro sbarca sul Web Jobs Act sito governo: il portale per capire meglio la riforma Arriva il sito ufficiale del Jobs Act. Alla tanto discussa riforma del lavoro, il Governo Renzi ha pensato bene di dedicare un sito internet. “Jobs Act, l’Italia cambia il lavoro”, questo lo slogan che apre l’home page del portale curato dai Ministero del lavoro e delle politiche socia...
Jobs Act 2015, in piazza a Modena per cancellare Riforma Jobs Act 2015: a Modena manifestazioni per la cancellazione della riforma Erano più di mille i lavoratori che il 26 maggio sono scesi in piazza per manifestare nei tre presidi di Modena: Bomporto, Castelnuovo e Finale Emilia. Questo il risultato della mobilitazione di Cgil e Uil contro il Jobs Act e le altre politiche economiche del Governo Renzi,...
voucher lavoro