Voucher lavoro, +74,7% rispetto al 2014

Voucher lavoro occasionale: si rischia una nuova frontiera del precariato

Oltre 49 milioni di voucher lavoro nel primo semestre del 2015. Sono questi i dati pubblicati dall’Inps in merito all’impennata dei buoni usati per pagare le prestazioni lavorative occasionali: incremento del 74,7% rispetto all’anno precedente. Un evento che manifesta il successo di un modello europeo importato in Italia, anche se con differenze sostanziali.

Negli altri Paesi, infatti, i voucher sono rimasti uno strumento circoscritto ai lavori domestici, mentre in Italia l’ambito di applicazione si è esteso a tutti i settori produttivi. Con il Jobs Act poi l’espansione si è rafforzata al punto di far scattare l’allarme.

A maggio il presidente dell’Inps Tito Boeri aveva già annunciato il rischio di aprire una “nuova frontiera del precariato”. Una tesi confermata anche dall’economista Carlo Dell’Aringa che nelle sue ultime dichiarazioni ha ammesso che, se la tendenza sarà confermata, sarà necessario procedere con degli interventi correttivi.

Voucher e lavoro dipendente nei Paesi UE

Analizzando i dati pubblicati dall’Inps, infatti, appare chiaro che il recente aumento dei voucher non è un caso isolato. Tra il 2012 e il 2013, si era già registrato un aumento del 71,3%, mentre l’anno successivo l’incremento è stato del 69,6%. Dall’introduzione dei voucher, sono stati venduti quasi 200 milioni di buoni lavoro, per un valore complessivo di 2 miliardi.

Stando a quanto riportato da uno studio del Cna, nel giro di sei anni (dal 2008 al 2014) il numero di voucher lavoro utilizzati nel mercato del lavoro è aumentato di 129 volte. Una cifra che corrisponde, in termini di ore lavorate, a circa 33 mila posti di lavoro full time. Un utilizzo che contrasta fortemente con la finalità per cui sono stati creati.

I buoni lavoro, infatti, sono stati ideati per pagare prestazioni lavorative occasionali, come servizi domestici e attività agricole stagionali, al fine di ridurre il lavoro in nero. Destinazione che però non si rispecchia nell’attuale utilizzo di questo strumento. Come riporta lo studio Cna, al momento il principale settore di applicazione dei voucher è il commercio, con il 18,2% dei buoni acquistati, seguito poi dai settori dei servizi (14%) e del turismo (12,3%).

Voucher lavoro le nuove applicazioni nel Jobs Act

Lavori domestici e attività agricole non raggiungono nemmeno il 10% dei voucher immessi nel mercato (rispettivamente il 2,6% e il 7,3%). Altro fattore da considerare è che a differenza di quanto accade negli altri Paesi UE, ad esempio in Belgio, dove il lavoratore deve essere dipendente di una società di servizi autorizzata e che nel giro di sei mesi viene assunto a tempo indeterminato, la legge italiana non prevede l’obbligo di assunzione.

Anzi la direzione sembra quella opposta. I voucher, infatti, rischiano di diventare l’unica forma di lavoro per molti cittadini italiani. Un fenomeno definito “preoccupante” dallo stesso che Tito Boeri. Paura che però non sembra essere presa in considerazione dal Governo, che con la Riforma del Lavoro ha esteso questa forma di impiego occasionale, ampliandone il limite massimo.

Con il decreto sul riordino dei contratti, infatti, il reddito massimo percepibile attraverso i voucher è passato da 5 mila a 7 mila euro annui. Somma che però non può essere versata da un solo committente: ogni impresa può pagare a ciascun lavoratore un massimo di 2020 euro all’anno in buoni lavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

indagini licenziamento per giusta causa Indagini licenziamento per giusta causa: di cosa si tratta La giusta causa di licenziamento è una situazione che con conoscente la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria, a causa di una condotta scorretta tenuta dal dipendente. Stando a quanto definito dalla normativa vigente, in sede di giudizio è possibile rilevare la giu...
Taglio costo del lavoro 2016 Taglio costo del lavoro per il 2016 Nonostante la riduzione dell’Irap e la decontribuzione triennale per i neoassunti a tempo indeterminato, l’onere fiscale applicato sul lavoro e sul capitale è molto elevato in Italia rispetto agli altri Stati membri dell’UE. A dichiararlo è la Commissione Europea con le ultime raccomandazioni inviate all’Italia:...
Bonus assunzioni 2016: guida allo sgravio fiscale Bonus assunzioni 2016: cosa cambia con la nuova Stabilità Bonus assunzioni 2016. La nuova legge di stabilità ha riconfermato per il prossimo anno lo sgravio fiscale per chi assume a tempo indeterminato. Un’agevolazione dedicata ai datori di lavoro che assumono personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, introdotto d...
Jobs Act contratti: sanatoria per chi regolarizza i cococo Jobs Act contratti co co co: in arrivo il Decreto Dopo il passaggio alle Commissioni del Lavoro di Camera e Senato, il testo del D.lgs. sul riordino dei contratti, conferma la restrizione sui contratti di collaborazione coordinata e continuativa. Il Governo varerà a breve un decreto che da gennaio 2016 farà inquadrare ope legis tali rapporti come ...
Lavoratori Assenteisti: Attenti agli Investigatori Assenteismo nel privato: i datori di lavoro si rivolgono alle agenzie di investigazione Aumentano i controlli per i lavoratori assenteisti. Oltre alle leggi e ai controlli medico-fiscali, ora i furbetti dovranno vedersela anche con gli investigatori privati, chiamati a verificare la trasparenza dei comportamenti condotti dai lavoratori. Pare, i...
Jobs Act cassa integrazione: come funziona la nuova cig Modifiche Job Act cassa integrazione: le norme in vigore dal 24 settembre La nuova cassa integrazione è finalmente in vigore. Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale degli ultimi quattro decreti attuativi, il Jobs act è arrivato al capolinea. Tra le novità introdotte dalla riforma del lavoro non mancano i cambiamenti in materia di cassa integra...
Jobs Act cococo: finiscono così i contratti di collaborazione Jobs Act cococo 2015: in vigore i nuovi decreti attuativi Addio co.co.co. Dopo l'entrata in vigore (il 7 marzo) dei nuovi contratti a tutele crescenti, la riforma del lavoro continua con il riordino delle forme contrattuali e le nuove norme sulla conciliazione di lavoro e vita privata. I due decreti attuativi del Jobs Act, hanno completato l’iter ...
Jobs Act apprendistato, voucher e part time: cosa cambia Jobs Act apprendistato cosa cambia Il decreto attuativo del Jobs Act pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno ha definito il riordino dei contratti di lavoro esistenti. La nuova normativa introduce importanti novità sia per il contratto di apprendistato che in materia di lavoro accessorio (voucher) creando non poche incertezze tra gli imprend...
voucher lavoro