Licenziamento collettivo criteri di scelta: a casa più anziani

Criteri di scelta per licenziamento collettivo

Cambiano i criteri di scelta per il licenziamento collettivo, ossia le regole che un’azienda è chiamata a rispettare quando deve ricorrere al licenziamento collettivo. Quando si trova in queste situazioni, infatti, l’impresa è obbligata ad adottare dei criteri di scelta, definiti in accordo coi sindacati, che consentano di individuare i lavoratori da licenziare. Cercando, in ogni caso, di creare ai dipendenti il minor danno possibile.

Licenziamento collettivo criteri di scelta: quali sono? Le linee guida per la selezione dei lavorati da licenziare variano da azienda a azienda, spesso si tengono in considerazione la presenza di figli, e gli anni di anzianità di servizio. Ma queste non sono le uniche condizioni accettabili.

Licenziamento collettivo criteri di scelta cassazione: prima i lavoratori vicini alla pensione

È considerato, infatti, un legittimo criterio di scelta la prossimità al pensionamento del lavoratore. Lo ha detto di recente la cassazione con la sentenza n. 13794/15 dello scorso 3 luglio. Una possibilità aperta, però, solo se è possibile formare una graduatoria rigida e senza margine di discrezionalità per il datore di lavoro. Condizione che consentirà di evitare eventuali discriminazioni.

In altre parole, l’azienda deve avere una linea predeterminata entro cui muoversi, senza la possibilità di scegliere arbitrariamente chi licenziare. La vicinanza alla pensione è stata considerata dalla Corte un valido criterio oggettivo, che permette di definire, a parità di condizioni, quale soggetto subisce il minore danno dal licenziamento. Decisione presa alla luce del fatto che più si è vicini alla pensione, tanto più velocemente si potrà sostituire il reddito da lavoro con l’assegno pensionistico.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento orale: cos’è? Quali le conseguenze? Il licenziamento orale è nullo Il licenziamento orale, o verbale, si verifica quando il lavoratore viene allontanato dal proprio posto di lavoro senza che la cessazione del rapporto gli sia comunicata, dal datore di lavoro, con un atto scritto. Dato che per legge il datore di lavoro deve comunicarlo in forma scritta, il licenziamento verbale è ...
Licenziamento per assenza ingiustificata Cos’è il licenziamento per assenza ingiustificata Il licenziamento disciplinare si verifica in seguito a una scorretta condotta del lavoratore, talmente grave da compromettere il vincolo fiduciario che si è instaurato con il datore di lavoro. Questa particolare tipologia di licenziamento si distingue in due categorie: per giusta causa e per giusti...
Licenziamento periodo di prova Licenziamento periodo di prova: i casi in cui è possibile Il periodo di prova serve al datore di lavoro per testare le capacità professionali del lavoratore in relazione alle mansioni che, in caso di superamento, questi sarà chiamato a svolgere. Durante la prova sia il dipendente che il datore di lavoro possono recedere liberamente dal contratto i...
Licenziamento per malattia: quando è legittimo? La legge stabilisce che il dipendente malato non può essere licenziato. Tuttavia, vi sono due casi che prevedono il licenziamento per malattia: nel momento in cui l'assenza supera la durata massima prevista dal contratto collettivo; se, nonostante l'assenza sia inferiore al suddetto limite, questa provochi un grave pregiudizio per l'org...
Licenziamento Dirigente per Giusta Causa Licenziamento del dirigente per giusta causa: cos’è Nella giurisprudenza italiana il licenziamento di un dirigente è disciplinato diversamente rispetto a quello degli altri dipendenti. Regolato dalle norme del Codice Civile e dalla contrattazione collettiva, il licenziamento del dirigente è strettamente legato al ruolo che questo ha all’interno de...
Licenziamento disciplinare nullo quando generico Licenziamento disciplinare nullo se non viene indicato il fatto specifico Un’azienda può licenziare un dipendente per aver tenuto una condotta illecita (licenziamento disciplinare) solo se la contestazione mossa non è generica. La legge stabilisce infatti che, prima di espellere un dipendente, il datore è tenuto a metterlo al corrente delle ragion...
Licenziamento Dipendenti Licenziamento dipendenti privati per giusta causa Il licenziamento di un dipendente è considerato legittimo solo se i motivi che hanno condotto alla recessione del contratto rientrano nei caso di giusta causa o giustificato motivo, come previsto dallo Statuto dei lavoratori e dalla legislazione italiana. Il licenziamento per giusta causa si ha ...
Licenziamento illegittimo Jobs Act: cosa è cambiato? Illegittimo licenziamento per giusta causa e giustificato motivo Il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti previsto dal Jobs Act ha cambiato profondamente l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, nella fattispecie per il diritto al reintegro in caso di licenziamento illegittimo. Applicate ai soggetti assunti dopo il 1° marz...
licenziamento collettivo criteri di scelta