Licenziamento Dipendenti

Licenziamento dipendenti privati per giusta causa

Il licenziamento di un dipendente è considerato legittimo solo se i motivi che hanno condotto alla recessione del contratto rientrano nei caso di giusta causa o giustificato motivo, come previsto dallo Statuto dei lavoratori e dalla legislazione italiana.

Il licenziamento per giusta causa si ha quando si verifica una situazione che compromette gravemente il rapporto di fiducia tra datore di lavoro e dipendente. In questo caso non è previsto alcun preavviso da parte del datore di lavoro, che può quindi licenziare in tronco il lavoratore.

Ma quali sono le situazioni in cui è possibile il licenziamento per giusta causa? Facciamo alcuni esempi. È possibile licenziare in tronco chi si presenta ubriaco sul posto di lavoro o rimane assente in modo ingiustificato. Allo stesso modo si parla di licenziamento per giusta causa se il dipendente danneggia volontariamente o ruba attrezzature, macchinari o altro materiale aziendale.

Incorre nel licenziamento per giusta causa anche chi si presenta ripetutamente in ritardo sul posto di lavoro, chi tiene comportamenti scorretti nei confronti del datore di lavoro, o dei colleghi, o si rifiuta di trasferirsi in un’altra filiale o sede dell’azienda.

Criteri di licenziamento dipendenti per giustificato motivo

Quando si parla di licenziamento per giustificato motivo, invece, è necessario distinguere tra giustificato motivo oggettivo e soggettivo. Il giustificato motivo soggettivo si verifica quando il lavoratore non rispetta gli obblighi contrattuali, l’articolo 1445 del codice civile indica infatti la possibilità del datore di lavoro di recedere dal contratto, nel caso si verifichi un inadempimento “di non scarsa importanza” da parte del dipendente.

Tra le cause che possono condurre al licenziamento per giustificato motivo soggettivo troviamo la carcerazione preventiva del dipendente e la detenzione per un condanna passata in giudicato.

Un lavoratore può essere licenziato per giustificato motivo soggettivo anche se si presenta sistematicamente in ritardo sul posto di lavoro, rimane assente per malattia prolungata o supera il periodo comporto. Il licenziamento è legittimo anche se il soggetto non è più fisicamente idoneo a svolgere le mansioni lavorative assegnate.

Licenziamento dipendenti giustificato motivo oggettivo

Il giustificato motivo oggettivo invece è dato da ragioni che non hanno a che fare con la condotta del lavoratore, ma si riferiscono all’organizzazione dell’azienda e al regolare funzionamento della stessa. Un dipendente può essere licenziato per giustificato motivo oggettivo se a fronte di una riorganizzazione dell’azienda, il suo profilo professionale non risulta più utile e non è possibile reinserirlo in altri settori dell’impresa.

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo è previsto anche in caso di fallimento o cessazione dell’attività. In caso di licenziamento per giustificato motivo, sia oggettivo che soggettivo, il lavoratore ha diritto al preavviso o, se questo non viene concesso, a un’indennità economica di mancato preavviso.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento collettivo criteri di scelta: a casa più anziani Criteri di scelta per licenziamento collettivo Cambiano i criteri di scelta per il licenziamento collettivo, ossia le regole che un’azienda è chiamata a rispettare quando deve ricorrere al licenziamento collettivo. Quando si trova in queste situazioni, infatti, l’impresa è obbligata ad adottare dei criteri di scelta, definiti in accordo coi sindac...
Licenziamento senza preavviso: quando è possibile? Licenziamento senza preavviso da parte del datore di lavoro I Contratti Collettivi Nazionali di categoria (Ccnl) stabiliscono per ogni livello di inquadramento un periodo di preavviso che, sia i dipendenti che i datori di lavoro, sono tenuti ad osservare prima di recedere, in modo unilaterale, dal contratto. Il periodo di preavviso, che varia i...
Licenziamento illegittimo Jobs Act: cosa è cambiato? Illegittimo licenziamento per giusta causa e giustificato motivo Il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti previsto dal Jobs Act ha cambiato profondamente l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, nella fattispecie per il diritto al reintegro in caso di licenziamento illegittimo. Applicate ai soggetti assunti dopo il 1° marz...
Licenziamento discriminatorio e ritorsivo Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: la sentenza del Tribunale di Roma Qual è la differenza tra licenziamento discriminatorio e ritorsivo? Un interrogativo a cui ha risposto il Tribunale del Lavoro di Roma con la Sentenza del 14 luglio 2014. Nello specifico il caso preso in esame riguarda un licenziamento impugnato da un dirigente medico, ai...
Visite Fiscali 2017 e licenziamento per malattia Il lavoratore dipendente che, nonostante la malattia, sia stato trovato fuori di casa non può essere licenziato automaticamente. Tuttavia vi sono una serie di casi in cui il datore di lavoro ha il pieno diritto di interrompere il rapporto con il dipendente. Vediamoli insieme. Visite Fiscali 2017, cosa si rischia se non si è reperibili? Il lavo...
Come Licenziarsi? 3 consigli utili per non correre rischi Lasciare il posto di lavoro non significa necessariamente bruciare i rapporti e tagliare i ponti con il proprio capo e i colleghi, anche se, di solito, tra i motivi scatenanti vi sono mobbing o situazioni lavorative pessime. Tuttavia, ecco alcuni utili consigli per capire come licenziarsi senza correre rischi e senza fare passi falsi. Come Licenzi...
Licenziamento discriminatorio Che cos'è licenziamento discriminatorio Il licenziamento discriminatorio è la cessazione del rapporto di lavoro per motivi contrari ai diritti fondamentali dell’uomo garantiti dalla Costituzione. Si tratta quindi di un licenziamento illegittimo poiché le ragioni che stanno alla base della recessione dal contratto di lavoro sono censurabili. Dis...
Licenziamento orale: cos’è? Quali le conseguenze? Il licenziamento orale è nullo Il licenziamento orale, o verbale, si verifica quando il lavoratore viene allontanato dal proprio posto di lavoro senza che la cessazione del rapporto gli sia comunicata, dal datore di lavoro, con un atto scritto. Dato che per legge il datore di lavoro deve comunicarlo in forma scritta, il licenziamento verbale è ...
Licenziamento Dipendenti