Licenziamento discriminatorio e ritorsivo

Licenziamento discriminatorio e ritorsivo: la sentenza del Tribunale di Roma

Qual è la differenza tra licenziamento discriminatorio e ritorsivo? Un interrogativo a cui ha risposto il Tribunale del Lavoro di Roma con la Sentenza del 14 luglio 2014. Nello specifico il caso preso in esame riguarda un licenziamento impugnato da un dirigente medico, ai sensi della legge 92/2012 (meglio nota come Legge Fornero).

Il medico aveva presentato un’opposizione all’ordinanza, emessa dal Tribunale di Roma nel giungo del 2013, che vedeva rigettato il ricorso da lui proposto per ottenere l’accertamento della nullità del licenziamento. L’anno precedente il dottore era stato licenziato dall’Ospedale dove prestava servizio, per fatti che sarebbero stati inesistenti. Il dipendente chiedeva dunque il reintegro sul posto di lavoro e un indennizzo a fronte del licenziamento discriminatorio subito.

Il tribunale ha però ritenuto superfluo condurre un ulteriore attività di istruttoria e ha rigettato l’istanza avanzata dal medico. Il Giudice ha stabilito inoltre che il licenziamento perpetrato dall’ospedale non aveva elementi di discriminatorietà, precisando che le prospettazioni contenute negli atti introduttivi delle due fasi del giudizio afferiscono, ad un licenziamento per ritorsione piuttosto che ad una discriminazione.

Differenze tra licenziamento discriminatorio e ritorsivo

Ma qual è la differenza? Il licenziamento discriminatorio si configura come un vulnus all’identità del lavoratore, che viene penalizzato per la sua appartenenza ad un determinato gruppo religioso, etnico, linguistico, per ragioni politiche, sessiste, razziste, ecc. In caso di provato licenziamento discriminatorio, il datore di lavoro è soggetto a sanzioni e è tenuto a risarcire e reintegrare il dipendente.

Il licenziamento per ritorsione invece è nullo solo se il motivo ritorsivo è l’unico fattore ad aver portato al recesso unilaterale del contratto di lavoro da parte del datore. Tale licenziamento costituisce, infatti, un’ingiusta ed arbitraria reazione un comportamento legittimo tenuto dal lavoratore o da un’altra persona a lui legata (figlio, moglie, ecc.), configurandosi come una vera e propria vendetta nei confronti del dipendente.

Onere della prova e nullità del licenziamento discriminatorio e ritorsivo

Anche in questo caso è fondamentale dimostrare che l’unico motivo alla base del licenziamento è ritorsivo. Compito che spetta al dipendente licenziato, su cui grava l’onere della prova. Il lavoratore deve quindi indicare specificatamente le circostanze di fatto da cui dovrebbe si desumere il carattere ritorsivo del licenziamento rispetto ad una condotta legittima da lui tenuta.

Nella fattispecie del caso esaminato dal tribunale romano, per quanto si legge nella motivazione della sentenza, il medico ricorrente non ha indicato le circostanze di tempo e luogo in cui avrebbe suscitato la volontà di vendetta dell’ospedale. Il carattere ritorsivo del licenziamento va infine escluso in ragione del fatto che il medico ha ammesso di aver compiuto i fatti indicati nella contestazione disciplinare a suo carico.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento Dipendenti Licenziamento dipendenti privati per giusta causa Il licenziamento di un dipendente è considerato legittimo solo se i motivi che hanno condotto alla recessione del contratto rientrano nei caso di giusta causa o giustificato motivo, come previsto dallo Statuto dei lavoratori e dalla legislazione italiana. Il licenziamento per giusta causa si ha ...
Come Licenziarsi? 3 consigli utili per non correre rischi Lasciare il posto di lavoro non significa necessariamente bruciare i rapporti e tagliare i ponti con il proprio capo e i colleghi, anche se, di solito, tra i motivi scatenanti vi sono mobbing o situazioni lavorative pessime. Tuttavia, ecco alcuni utili consigli per capire come licenziarsi senza correre rischi e senza fare passi falsi. Come Licenzi...
Licenziamento in prova quando è illegittimo Licenziamento in periodo di prova: quando è previsto il recesso ad nutum Il principio secondo il quale è possibile licenziare un lavoratore solo in caso di giusta causa o giustificato motivo non vale per i soggetti assunti in prova. Durante il periodo di prova, infatti, entrambe le parti possono recedere dal contratto in qualunque momento e non so...
Licenziamento senza preavviso: quando è possibile? Licenziamento senza preavviso da parte del datore di lavoro I Contratti Collettivi Nazionali di categoria (Ccnl) stabiliscono per ogni livello di inquadramento un periodo di preavviso che, sia i dipendenti che i datori di lavoro, sono tenuti ad osservare prima di recedere, in modo unilaterale, dal contratto. Il periodo di preavviso, che varia i...
Licenziamento senza giusta causa Licenziamento per giusta causa o giustificato motivo Il datore di lavoro può licenziare i dipendenti solo se sussistono le condizioni per la giusta causa o il giustificato motivo. Si parla di giusta causa di licenziamento quando il dipendente tiene una condotta scorretta tale da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro. Il giustifi...
Licenziamento illegittimo giustificato motivo oggettivo Licenziamento illegittimo giustificato motivo oggettivo Legge Fornero La Riforma Fornero e il Jobs Act hanno modificato le sanzioni previste in caso di licenziamento illegittimo per giustificato motivo oggettivo. La regolamentazione, che in origine era identica a quella prevista per il licenziamento disciplinare, oggi si diversifica in base alla d...
Visite Fiscali 2017 e licenziamento per malattia Il lavoratore dipendente che, nonostante la malattia, sia stato trovato fuori di casa non può essere licenziato automaticamente. Tuttavia vi sono una serie di casi in cui il datore di lavoro ha il pieno diritto di interrompere il rapporto con il dipendente. Vediamoli insieme. Visite Fiscali 2017, cosa si rischia se non si è reperibili? Il lavo...
Licenziamento in Gravidanza: quando è vietato? La legge cerca di tutelare le lavoratrici incinte e le neo mamme, infatti l'azienda non può licenziarle se non in casi straordinari. Vediamo quali sono e quando è possibile il licenziamento in gravidanza o di una lavoratrice che ha appena partorito. Licenziamento in gravidanza o di una neo mamma: quando è vietato  Il datore di lavoro non può lice...
licenziamento discriminatorio e ritorsivo