Dimissioni per giusta causa: quando presentarle?

Quando è possibile presentare le dimissioni per giusta causa

Le dimissioni per giusta causa sono l’atto con il quale un dipendente recede dal contratto di lavoro a causa di problematiche personali o motivi di salute. Si tratta di una particolare forma di dimissioni volontarie per la quale non è obbligatorio dare un preavviso.

È possibile presentare le dimissioni per giusta causa per mancato pagamento della retribuzione da parte del datore di lavoro. Questa è infatti una situazione che consente di dimettersi, senza dare preavviso al datore di lavoro. Ricorrono gli estremi per le dimissioni per giusta causa anche in caso mobbing o molestie subite dal lavoratore sul posto di lavoro.

Conseguenze delle dimissioni senza preavviso licenziamento

Un dipendente può avvalersi delle dimissioni per giusta causa anche a fronte di un comportamento offensivo o violento da parte di un collega o di una richiesta di trasferimento. Tra le ragioni che possono portare alle dimissioni per giusta causa troviamo anche la cessione dell’azienda a un altro datore di lavoro, che modificando le condizioni stabilite al momento della sottoscrizione del contratto, non soddisfa le esigenze economiche del dipendete.

Una volta appurata la presenza della giusta causa, il dipendente ha diritto all’indennità sostitutiva del preavviso, poiché la cessazione del rapporto di lavoro è da imputarsi ad un’inadempienza del datore di lavoro. Ricordiamo infine che chi si dimette per giusta causa ha diritto, se ne ha i requisiti, all’indennità di disoccupazione. Prima di procedere con le dimissioni vi consigliamo di verificare con attenzione questo aspetto, date le rilevanti ricadute economiche che può avere.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento lavoratore a progetto Licenziamento lavoratore a progetto e sospensione del contratto Il lavoro a progetto, meglio noto come Co.Co.Pro, è la forma di lavoro autonomo che ha sostituito i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.Co.Co). A differenza del tradizionale contratto di lavoro subordinato, il Co.Co.Pro viene incontro alle esigenze d...
Licenziamento economico indennizzo: quando è previsto? Licenziamento economico indennizzo in caso di illegittimità Il licenziamento per motivi economici, o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è l'atto con cui il datore di lavoro interrompe, in modo unilaterale, il rapporto con il dipendente per ragioni che riguardano la riorganizzazione aziendale. La riforma Fornero del 2012 stabilisce...
Malattia Inps: come ottenere l’indennità? Indennità di malattia Inps: a chi spetta Nel diritto del lavoro la malattia è uno stato patologico che determina una condizione di incapacità al lavoro, tale da determinare la sospensione temporanea del rapporto. L’indennità associata (detta appunto indennità di malattia) viene erogata dall’Inps a tutti i lavoratori dipendenti del settore pubblici...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Licenziamento per abbandono posto lavoro Licenziamento per abbandono posto lavoro per giustificato motivo o giusta causa L’abbandono ingiustificato del posto di lavoro rientra nelle casistiche previste per il licenziamento per giustificato motivo soggettivo, ossia per inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del dipendente. Da non confondere con quello per giusta causa (o in...
Licenziamento maternità: quando è legittimo? Divieto di licenziamento maternità: quando si verifica Quella del licenziamento durante la gravidanza è una delle tematiche più complesse in materia di diritto del lavoro, considerata l’importanza che questo momento ha per la lavoratrice e gli oneri legati all’attività professionale da condurre. La legge vieta al datore di lavoro di recede dal con...
Modello lettera licenziamento: come redigerla? Modello lettera licenziamento dipendente: cosa indicare Secondo quanto stabilito dalla giurisprudenza italiana, il licenziamento di un lavoratore dipendente può avvenire per giusta causa o per giustificato motivo e deve essere comunicato in forma scritta. Il datore di lavoro che intende recedere dal rapporto con un dipendente deve quindi redigere ...
dimissioni per giusta causa