Dimissioni volontarie: ecco come presentarle

Cosa sono le dimissioni volontarie

Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere motivate e, quindi, non sono sindacabili.

È necessario però che le dimissioni siano presentate con un congruo preavviso, affinché il datore di lavoro abbia a disposizione il tempo necessario per sostituire il dipendente con un altro lavoratore che abbia le competenze adeguate a svolgere i compiti affidati al dimissionario.

La durata del periodo di preavviso viene definita in base a quanto disposto dalla contrattazione collettiva e varia in base all’inquadramento e all’anzianità di servizio del lavoratore.

Quando sono previste le dimissioni senza preavviso

In caso il dipendente non rispetti il periodo di preavviso è soggetto all’applicazione di una sanzione da parte del datore di lavoro, che dall’ultima retribuzione può detrarre quanto dovuto per il periodo di preavviso. In alcuni casi però è possibile recedere dal contratto di lavoro con decorrenza immediata e senza il pagamento dell’indennità di mancato preavviso.

Si tratta delle dimissioni per giusta causa, ovvero tutte quelle situazioni in cui il datore di lavoro tiene un comportamento talmente scorretto nei confronti del dipendente da non consentire la prosecuzione del rapporto professionale. Sono alcuni esempi di dimissioni per giusta causa: il mobbing, il mancato pagamento della retribuzione o dei contributi previdenziali, molestie psicologiche e fisiche.

È chiaro dunque che le dimissioni per giusta causa sanzionano gravissime violazioni da parte del datore di lavoro, che non ha dunque diritto al periodo di preavviso.

Come presentare la lettera di dimissioni

Le dimissioni devono essere presentate in forma scritta, pena la nullità del recesso. La lettera di dimissioni va consegnata in duplice copia, a mano o inviata con raccomandata con ricevuta di ritorno, al datore di lavoro (o all’ufficio del personale).

Una volta presa visione delle dimissioni, il datore di lavoro trasmette la comunicazione al Centro per l’impiego. A questo punto il lavoratore può scegliere se convalidare le dimissioni, recandosi al Centro per l’impiego o alla Direzione territoriale del lavoro, o sottoscrivere una dichiarazione di convalida sulla ricevuta di trasmissione delle dimissioni al Centro per l’impiego.

Se il dipendente non convalida le dimissioni, il datore di lavoro deve invitarlo a provvedere spedendogli una raccomandata entro 30 giorni. Quest’ultimo ha sette giorni di tempo per:

  • convalidare le dimissioni
  • replicare al datore di lavoro contestando le dimissioni
  • ritirare le dimissioni.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento economico indennizzo: quando è previsto? Licenziamento economico indennizzo in caso di illegittimità Il licenziamento per motivi economici, o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è l'atto con cui il datore di lavoro interrompe, in modo unilaterale, il rapporto con il dipendente per ragioni che riguardano la riorganizzazione aziendale. La riforma Fornero del 2012 stabilisce...
Convenzione Inps Inail 2015 Inps Inail: la nuova convenzione in vigore da gennaio 2015 Lo scorso 2 aprile Inps e Inail hanno pubblicato una circolare comune per comunicare la nuova Convenzione siglata dai due Istituti. Si tratta di un accordo volto a semplificare l’erogazione coordinata delle prestazioni economiche di malattia e la definizione dei casi di dubbia competenza. ...
Come effettuare il calcolo Tfr? Quali i fattori coinvolti? Cos’è il Tfr e come calcolarlo Il Tfr ossia il trattamento di fine rapporto è una somma che spetta ai lavoratori dipendenti che hanno concluso un rapporto di lavoro. Noto anche come liquidazione o buona uscita, il Tfr può essere calcolato mettendo in pratica alcune semplici formule matematiche. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i passaggi da seg...
Dimissioni per giusta causa: quando presentarle? Quando è possibile presentare le dimissioni per giusta causa Le dimissioni per giusta causa sono l’atto con il quale un dipendente recede dal contratto di lavoro a causa di problematiche personali o motivi di salute. Si tratta di una particolare forma di dimissioni volontarie per la quale non è obbligatorio dare un preavviso. È possibile presen...
Jobs Act licenziamento per motivi economici Jobs Act licenziamento motivi economici: quando è previsto Quando sussistono i presupposti per una riduzione del personale legati alla riorganizzazione dell’azienda, il Giudice deve verificare che il licenziamento sia l’unica soluzione applicabile. Prima di licenziare un dipendente per giustificato motivo oggettivo (ossia per ragioni economiche), ...
Licenziamento per abbandono posto lavoro Licenziamento per abbandono posto lavoro per giustificato motivo o giusta causa L’abbandono ingiustificato del posto di lavoro rientra nelle casistiche previste per il licenziamento per giustificato motivo soggettivo, ossia per inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del dipendente. Da non confondere con quello per giusta causa (o in...
Orari malattia per dipendenti pubblici e privati Orari visita fiscale malattia dipendenti pubblici A partire dal 2015 sono modificati gli orari per le visite e il controllo fiscale relativo alle assenze per malattia dei dipendenti pubblici e privati. La legge 111/2011 ha, infatti, previsto che la verifica della reperibilità del lavoratore possa essere attivata dall’Inps dal primo giorno se l’ass...
Licenziamento lavoratore a progetto Licenziamento lavoratore a progetto e sospensione del contratto Il lavoro a progetto, meglio noto come Co.Co.Pro, è la forma di lavoro autonomo che ha sostituito i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.Co.Co). A differenza del tradizionale contratto di lavoro subordinato, il Co.Co.Pro viene incontro alle esigenze d...
dimissioni