Licenziamento lavoratrice madre

Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività

La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavoro non fosse a conoscenza della gravidanza della dipendente.

Durante il periodo in cui opera il divieto di licenziamento, il datore non può sospendere la lavoratrice dal lavoro, a meno che non vi sia la sospensione dell’attività aziendale o del reparto in cui la dipendente è addetta (sempre che il reparto in questione abbia autonomia funzionale). Non è possibile inoltre collocare la lavoratrice madre in mobilità a seguito di un licenziamento collettivo, ma solo in caso di cessazione dell’attività dell’azienda.

La normativa vigente prevede tuttavia alcune ipotesi in cui è possibile licenziare la lavoratrice madre, ossia in caso di licenziamento per giusta causa o cessazione dell’attività aziendale. Se assunta a tempo determinato, la dipendente può essere licenziata alla scadenza del termine di contratto, o in caso di esito negativo del periodo di prova.

Illegittimo licenziamento lavoratrice madre

Per quanto riguarda invece le collaboratrici domestiche, il contratto collettivo nazionale vigente prevede il divieto di licenziamento dall’inizio della gravidanza fino alla fine del congedo di maternità, a meno che non si determini la giusta causa di licenziamento.

In caso di licenziamento illegittimo la lavoratrice ha diritto al reintegro sul posto di lavoro e al versamento dei contributi previdenziali e assistenziali per tutto il periodo di assenza dal lavoro. Il datore di lavoro deve inoltre versare alla dipendente un risarcimento economico il cui importo non può essere inferiore a 5 mensilità di retribuzione percepite.

Ricordiamo infine che la lavoratrice madre illegittimamente licenziata può esercitare il diritto di opzione, scegliendo quindi fra la reintegra sul posto di lavoro e un’indennità sostitutiva pari a quindici mensilità di retribuzione globale.

 

Licenziamento Giusta Causa

Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Licenziamento maternità: quando è legittimo? Divieto di licenziamento maternità: quando si verifica Quella del licenziamento durante la gravidanza è una delle tematiche più complesse in materia di diritto del lavoro, considerata l’importanza che questo momento ha per la lavoratrice e gli oneri legati all’attività professionale da condurre. La legge vieta al datore di lavoro di recede dal con...
Orari malattia per dipendenti pubblici e privati Orari visita fiscale malattia dipendenti pubblici A partire dal 2015 sono modificati gli orari per le visite e il controllo fiscale relativo alle assenze per malattia dei dipendenti pubblici e privati. La legge 111/2011 ha, infatti, previsto che la verifica della reperibilità del lavoratore possa essere attivata dall’Inps dal primo giorno se l’ass...
Lettera di dimissioni per giusta causa: come presentarla? Cosa sono le dimissioni per giusta causa Legislatore italiano stabilisce che ogni lavoratore assunto con contratto a tempo indeterminato può interrompere il rapporto di lavoro in corso presentando le proprie dimissioni volontarie all’azienda datrice di lavoro. Il dipendente è tenuto a rispettare il periodo di preavviso e le modalità di presenta...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Licenziamento lavoratore a progetto Licenziamento lavoratore a progetto e sospensione del contratto Il lavoro a progetto, meglio noto come Co.Co.Pro, è la forma di lavoro autonomo che ha sostituito i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.Co.Co). A differenza del tradizionale contratto di lavoro subordinato, il Co.Co.Pro viene incontro alle esigenze d...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Licenziamento collettivo e mobilità Cosa sono i licenziamenti collettivi L’espressione licenziamento collettivo indica l'ipotesi in cui un’impresa opera un’importante riduzione del personale a fronte di una crisi o di una riorganizzazione aziendale, o per chiusura dell'attività. I licenziamenti collettivi sono possibili solo in specifiche situazioni previste dalla legge e dopo un...
Licenziamento lavoratrice madre