Orari malattia per dipendenti pubblici e privati

Orari visita fiscale malattia dipendenti pubblici

A partire dal 2015 sono modificati gli orari per le visite e il controllo fiscale relativo alle assenze per malattia dei dipendenti pubblici e privati. La legge 111/2011 ha, infatti, previsto che la verifica della reperibilità del lavoratore possa essere attivata dall’Inps dal primo giorno se l’assenza avviene nei giorni precedenti o successivi a una festività o a una giornata non lavorativa, inclusi i riposi infrasettimanali e le giornate di permesso o licenza.

In vigore da gennaio la nuova normativa sugli orari malattia ha definito le nuove modalità con cui il datore di lavoro può attivare la procedura di visita medico fiscale nei confronti dei dipendenti che dichiarano uno stato di malattia. La richiesta di visita fiscale può infatti essere inoltrata dall’imprenditore direttamente online.

I lavoratori pubblici assunti nelle strutture statali, scolastiche, Asl o Enti Locali assenti per malattia devono essere reperibili 7 giorni su 7, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. Hanno l’obbligo di reperibilità negli stessi orari malattia anche i Militari, la Polizia di Stato e i Vigili del Fuoco.

Orari visite fiscali dipendenti settore privato

Durante tali fasce orarie il dipendente deve farsi trovare presso il suo domicilio o altro indirizzo comunicato nella dichiarazione di inizio malattia. Non sono soggetti all’obbligo di reperibilità i dipendenti assenti dal lavoro per patologie gravi che richiedono terapie salvavita, malattie per le quali è stata riconosciuta la causa di servizio, stati patologici connessi ad una situazione di invalidità già riconosciuta o a causa di un infortunio sul lavoro.

Per quanto riguarda i dipendenti assunti nel settore privato, gli orari malattia applicati sono i seguenti: dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, 7 giorni su 7, compresi i giorni non lavorativi e festivi.

 

Licenziamento Giusta Causa

Lettera licenziamento colf e badante: cosa scrivere? Lettera di licenziamento colf e badanti: come calcolare il periodo di preavviso Quando si desidera procedere al licenziamento di una badante, una colf o di un altro collaboratore domestico, il datore di lavoro deve comunicare all’interessato la propria intenzione di recedere dal contratto attraverso una lettera di licenziamento. Come accade nel...
Modello lettera licenziamento: come redigerla? Modello lettera licenziamento dipendente: cosa indicare Secondo quanto stabilito dalla giurisprudenza italiana, il licenziamento di un lavoratore dipendente può avvenire per giusta causa o per giustificato motivo e deve essere comunicato in forma scritta. Il datore di lavoro che intende recedere dal rapporto con un dipendente deve quindi redigere ...
Fac simile lettera di dimissioni: ecco com’è fatto Come presentare una lettera dimissioni La lettera di dimissioni è la comunicazione scritta della volontà del lavoratore di recedere dal contratto che lo lega al datore di lavoro. Le dimissioni vanno presentate entro un certo termine detto preavviso, affinché il datore di lavoro abbia il tempo di sostituire adeguatamente il soggetto dimissionario. ...
Lettera di dimissioni per giusta causa: come presentarla? Cosa sono le dimissioni per giusta causa Legislatore italiano stabilisce che ogni lavoratore assunto con contratto a tempo indeterminato può interrompere il rapporto di lavoro in corso presentando le proprie dimissioni volontarie all’azienda datrice di lavoro. Il dipendente è tenuto a rispettare il periodo di preavviso e le modalità di presenta...
Decreti attuativi Jobs Act Decreti attuativi Jobs Act approvati: tutti i dettagli Il Jobs Act, la riforma del lavoro voluta dal Governo Renzi, è in vigore dal 7 marzo 2015 e i dati Istat relativi allo stesso mese indicano oltre 3 milioni di persone in cerca di lavoro, il 13% in più rispetto a febbraio, e un tasso di disoccupazione giovanile pari al 43%. Ovviamente è pres...
Licenziamento per secondo lavoro: quali le procedure? Licenziamento per secondo lavoro giusta causa Con al crisi economica, sono molti gli italiani che per racimolare qualche soldo in più, svolgono due lavori contemporaneamente. Sebbene quella di svolgere un secondo lavoro non sia una pratica che, in sé per sé, arreca danno al datore di lavoro, questi è tenuto a licenziare per giusta causa il dipende...
Licenziamento collettivo e mobilità Cosa sono i licenziamenti collettivi L’espressione licenziamento collettivo indica l'ipotesi in cui un’impresa opera un’importante riduzione del personale a fronte di una crisi o di una riorganizzazione aziendale, o per chiusura dell'attività. I licenziamenti collettivi sono possibili solo in specifiche situazioni previste dalla legge e dopo un...
Licenziamento lavoratrice madre Licenziamento lavoratrice madre: licenziamento per giusta causa e cessazione attività La legge stabilisce il divieto di licenziare la lavoratrice madre per tutto il periodo compreso tra l’inizio della gravidanza e il compimento di un anno di età del bambino. Tale divieto opera anche nel caso in cui, al momento del licenziamento, il datore di lavor...
orari malattia