Quando e come presentare una lettera di licenziamento

Differenza tra lettera licenziamento e lettera di dimissioni

Quando si decide di interrompere una collaborazione lavorativa è necessario darne comunicazione formale al datore di lavoro. I Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro stabiliscono che la lettera di dimissioni serve a comunicare, in modo inequivocabile, la volontà del dipendente di recedere dal rapporto di lavoro.

Una volta redatta e firmata, il lavoratore deve inviare al datore di lavoro la lettera di dimissioni tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure presentarla a mano in duplice copia, di cui una rimarrà all’azienda e l’altra sarà restituita, controfirmata, al dipendente. In caso la presentazione delle dimissioni non avvenga nel rispetto del periodo di preavviso previsto da contratto, si andrà incontro al pagamento di una penale.

La lettera di licenziamento è invece l’atto con cui il datore di lavoro recede unilateralmente dal contratto stipulato con il dipendente o collaboratore. Affinché sia valido il licenziamento deve essere comunicato nelle modalità e nei tempi previsti dai CCNL.

Lettera di licenziamento e preavviso licenziamento

Il licenziamento può avvenire per giusta causa o giustificato motivo. Si parla di licenziamento per giusta causa, quando il lavoratore tiene una condotta scorretta talmente grave da ledere il rapporto di fiducia esistente tra datore di lavoro e dipendente (furto all’interno dell’azienda, offese al titolare o ai colleghi, ecc).

Il giustificato motivo, invece, può essere oggettivo o soggettivo, il primo fa riferimento a una riorganizzazione aziendale, mentre il secondo sussiste in caso di inadempimento del dipendente agli obblighi contrattuali.

Il licenziamento per giustificato motivo prevede un periodo di preavviso o in alternativa il pagamento dell’indennità di mancato preavviso (con importo equivalente alla retribuzione che sarebbe spettata durante il periodo di preavviso), mentre quello per giusta causa ha efficacia immediata (licenziamento in tronco). In entrambi i casi il lavoratore per ha diritto alla liquidazione.

 

Licenziamento Giusta Causa

Lettera di dimissioni per giusta causa: come presentarla? Cosa sono le dimissioni per giusta causa Legislatore italiano stabilisce che ogni lavoratore assunto con contratto a tempo indeterminato può interrompere il rapporto di lavoro in corso presentando le proprie dimissioni volontarie all’azienda datrice di lavoro. Il dipendente è tenuto a rispettare il periodo di preavviso e le modalità di presenta...
Lettera licenziamento colf e badante: cosa scrivere? Lettera di licenziamento colf e badanti: come calcolare il periodo di preavviso Quando si desidera procedere al licenziamento di una badante, una colf o di un altro collaboratore domestico, il datore di lavoro deve comunicare all’interessato la propria intenzione di recedere dal contratto attraverso una lettera di licenziamento. Come accade nel...
Licenziamento lavoratore a progetto Licenziamento lavoratore a progetto e sospensione del contratto Il lavoro a progetto, meglio noto come Co.Co.Pro, è la forma di lavoro autonomo che ha sostituito i contratti di collaborazione coordinata e continuativa (i cosiddetti Co.Co.Co). A differenza del tradizionale contratto di lavoro subordinato, il Co.Co.Pro viene incontro alle esigenze d...
Modello lettera licenziamento: come redigerla? Modello lettera licenziamento dipendente: cosa indicare Secondo quanto stabilito dalla giurisprudenza italiana, il licenziamento di un lavoratore dipendente può avvenire per giusta causa o per giustificato motivo e deve essere comunicato in forma scritta. Il datore di lavoro che intende recedere dal rapporto con un dipendente deve quindi redigere ...
Lettera dimissioni effetto immediato Lettera dimissioni con effetto immediato senza preavviso: quando è prevista Le dimissioni sono l’atto unilaterale con cui il lavoratore comunica al datore di lavoro che non intende proseguire il rapporto. Generalmente le dimissioni vengono presentate quando il dipendente trova un impiego a condizioni migliori o quando, per altre ragioni, ritiene c...
Inps malattia: a quanto ammonta l’indennizzo? Indennità Inps malattia 2015: a chi spetta L’indennità di malattia Inps è una somma erogata ai lavoratori iscritti all’istituto quando si verifica un evento patologico che ne determina una temporanea incapacità lavorativa. Possono ottenere l’indennità di malattia i disoccupati, i lavoratori sospesi dal lavoro e apprendisti. Hanno diritto all’in...
Dimissioni volontarie: ecco come presentarle Cosa sono le dimissioni volontarie Le dimissioni sono l’atto unilaterale attraverso il quale il dipendente comunica al datore di lavoro la volontà di non proseguire il rapporto di lavoro. A differenza di quanto avviene con il licenziamento, che può essere compiuto solo se vi sono delle ragioni che lo giustificano, le dimissioni non devono essere m...
Licenziamento per abbandono posto lavoro Licenziamento per abbandono posto lavoro per giustificato motivo o giusta causa L’abbandono ingiustificato del posto di lavoro rientra nelle casistiche previste per il licenziamento per giustificato motivo soggettivo, ossia per inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del dipendente. Da non confondere con quello per giusta causa (o in...
lettera di licenziamento