Dimissioni volontarie online

Dimissioni volontarie online: la nuova procedura introdotta dal Jobs Act

L’entrata in vigore dei decreti attuativi Jobs Act ha modificato la procedura di presentazione delle dimissioni volontarie. Il Governo e il Ministero del Lavoro sono già al lavoro per mettere a punto un nuovo modulo per le dimissioni online, attraverso il quale i lavoratori potranno comunicare la propria volontà di dimettersi. In questo modo il Governo mira di contrastare e limitare il fenomeno delle dimissioni in bianco.

La facoltà del dipendente di dimettersi è prevista da tutti i Contratti Collettivi Nazionali e attesta l’inequivocabile volontà a terminare il rapporto di lavoro con l’azienda. La lettera di dimissioni, deve essere redatta su carta semplice seguendo le linee guida de una lettera fac simile, oppure, utilizzando dei modelli standard disponibili gratuitamente online in base alla tipologia delle dimissioni.

Quando si parla di dimissioni volontarie infatti è necessario distinguere tra: dimissioni con preavviso, dimissioni senza preavviso, dimissioni per giusta causa e dimissioni per gravidanza. In ogni caso, a prescindere dalla causa delle dimissioni e dalla formula utilizzata per la lettera, la comunicazione deve essere inviata al datore di lavoro in duplice copia tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure consegnata a mano.

Dimissioni volontarie senza preavviso: cos’è la giusta causa

Al lavoratore viene dunque rilasciata una copia controfirmata per ricevuta, che attesta la presa visione e l’accettazione delle dimissioni. Stando a quanto stabilito nei CCNL, il dipendente dimissionario è tenuto a rispettare il periodo di preavviso, comunicando la propria volontà di recedere dal contratto con un certo anticipo. In questo modo il datore di lavoro ha il tempo per sostituire il lavoratore.

La durata del preavviso varia in base alla durata del contratto e all’anzianità di servizio del dipendente. Ricordiamo che in caso non rispetti il periodo di preavviso, il dipendente è soggetto all’applicazione di una penale da parte del datore di lavoro. Dall’ultima busta paga è decurtata la retribuzione che sarebbe spettata per il periodo di preavviso.

L’unico caso in cui il dipendente non è tenuto a rispettare il periodo di preavviso è costituito dalle dimissioni per giusta causa. Si parla di giusta causa quando il lavoratore si dimette a fronte di una condotta scorretta del datore di lavoro, tale da non consentire la prosecuzione del rapporto nemmeno in via provvisoria.

Come presentare le dimissioni volontarie online

In base alla normativa introdotta dal Jobs Act, nel giro di qualche mese dimissioni potranno essere inoltrate esclusivamente per via telematica, pena la nullità della risoluzione del contratto di lavoro. Il lavoratore potrà scegliere se inviare autonomamente la comunicazione di dimissioni, o rivolgersi a intermediari abilitati (patronati, sindacati o enti bilaterali).

I moduli per le dimissioni on line saranno poi resi disponibili dal Ministero del lavoro, che li trasmetterà al datore di lavoro e alla Direzione territoriale competente. Per il dimissionario rimane comunque la possibilità di ripensamento. Le dimissioni potranno comunque essere revocate nei 7 giorni successivi alla comunicazione.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act legge: i punti centrali della riforma Jobs Act legge testo: quali sono le novità? Il Job Act ha riscritto molti elementi che interessano la realtà professionale di imprenditori e lavoratori dipendenti, cerchiamo di mettere in luce gli aspetti centrali di questa materia. Jobs Act legge: i passaggi chiave della riforma È stato introdotto il contratto a tutele crescenti: i nuovi dipend...
Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo Conversione licenziamento giusta causa giustificato motivo soggettivo: le condizioni necessarie La giusta causa e il giustificato motivo soggettivo sono due delle motivazioni che la Legge ritiene idonee a legittimare la fine di un rapporto di lavoro. Il licenziamento per giustificato motivo soggettivo prevede un periodo di preavviso, mentre quello...
Visita fiscale online e perdita dei diritti Visita fiscale online malattia 2015 Il dipendente assente dal lavoro per malattia ha il diritto alla conservazione del proprio posto di lavoro e riceve un trattamento economico definito in base al contratto collettivo applicabile alla propria posizione e al periodo di assenza, come stabilito dalla legge vigente. Per usufruire di questi benefici il...
Licenziamenti Jobs Act: le nuove regole in vigore da marzo 2015 Licenziamenti Jobs Act: come cambia la normativa Lo scorso 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 23/2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act. Il decreto descrive il funzionamento del contratto di lavoro a tutele crescenti e modifica le norme per i licenziamenti individuali e collettivi di impiegati, operai e quadri assunti a te...
Accertamento malattia dipendente Accertamento malattia dipendente: visite fiscali Inps e ASL Le assenze dal lavoro per malattia rientrano tra le assenze giustificate, poiché la malattia altera le capacità lavorative. Il dipendente in malattia ha infatti diritto al mantenimento del proprio posto di lavoro e percepisce un’indennità. L’assenza per malattia non determina inoltre l’in...
Art 2119 codice civile e giusta causa di licenziamento Cos’è la giusta causa di licenziamento secondo l’art 2119 codice civile Un lavoratore dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato può essere licenziato in tronco solo a fronte di una giusta causa di licenziamento. La nozione di giusta causa è espressa nell’art 2119 codice civile, che la definisce come un impedimento di una gravità tale ...
Lettera Licenziamento Giusta Causa Lettera licenziamento giusta causa o giustificato motivo Per licenziare un lavoratore è necessario che si verifichino determinate situazioni legate alla condotta del soggetto o alla riorganizzazione aziendale. Le motivazioni legate alla condotta del lavoratore si dividono in: giusta causa e giustificato motivo soggettivo. Con l’espressione “giu...
Licenziamento lavoratore domestico Licenziamento lavoratore domestico Inps: quando è possibile Chi sono i lavoratori domestici? Si definiscono lavoratori domestici tutti i soggetti che lavorano in modo continuativo per far fronte a necessità legate alla vita familiare del datore di lavoro, ad esempio colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, cuochi ecc. Rientrano nella c...
dimissioni volontarie