Jobs Act legge: i punti centrali della riforma

Jobs Act legge testo: quali sono le novità?

Il Job Act ha riscritto molti elementi che interessano la realtà professionale di imprenditori e lavoratori dipendenti, cerchiamo di mettere in luce gli aspetti centrali di questa materia.

Jobs Act legge: i passaggi chiave della riforma

È stato introdotto il contratto a tutele crescenti: i nuovi dipendenti di un’impresa verranno assunti con contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Ciò significa che le tutele di cui disporrà il lavoratore cresceranno in rapporto all’anzianità di servizio. La finalità dell’intervento è che questa forma contrattuale vada a sostituire tutte le tipologie di contratti atipici.

Altro nodo centrale è l’articolo 18. Verranno reintegrati i lavoratori licenziati per motivi discriminatori, ma è disponibile anche il reintegro per licenziamenti disciplinari. Stiamo parlando di una opportunità riservata esclusivamente ad alcune fattispecie. I reintegri saranno comunque ridotti, per limitare al massimo la discrezionalità dei giudici. In merito invece ai licenziamenti economici reputati illegittimi, resterà unicamente l’indennizzo.

Il lavoratore potrà inoltre passare in modo più facile da una mansione all’altra, incluso il demansionamento, qualora si determinino fenomeni di riorganizzazione, ristrutturazione o conversione aziendale. Una materia denominata mansioni flessibili che compone la riforma Job Act.

Si è verificata anche la riforma Aspi. Il vecchio sussidio di disoccupazione verrà posto in relazione ai contributi che il dipendente ha versato. Quanti hanno un pregresso contributivo più importante avranno diritto a una durata più estesa dell’Aspi, anche ben oltre i 18 mesi massimi previsti fino adesso. L’Aspi interesserà anche i collaboratori, almeno fino a quando queste figure professionali non saranno cancellate del tutto dall’introduzione del contratto a tutele crescenti.

Non è da sottovalutare neppure l’impatto che avrà la riforma Cig. Non sarà più possibile autorizzare la Cig qualora si determini la cessazione definitiva dell’attività aziendale. Vi saranno nuovi limiti in termini di durata, sia durante la cassa integrazione ordinaria che per quella straordinaria. Stiamo parlando di un intervento pensato per fornire un sistema di garanzia per ogni lavoratore, con tutele uniformi e conformi alla storia contributiva del lavoratore.

Il Job Act ha interessato anche le tutele relative alla maternità. Sarà prodotta un’estensione anche alle lavoratrici che non dispongono di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Un risultato che verra raggiunto mediante contratti di solidarietà, che dovrebbero consentire a tutti di conciliare i momenti professionali e quelli di vita privata.

Saranno adottate politiche inerenti direttamente l’occupazione. Assisteremo al rafforzamento delle politiche attive per favorire l’incontro di domanda e offerta, con l’istituzione di un’agenzia nazionale per il lavoro. Un intervento ispirato al funzionamento del modello tedesco.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento Job Act: cosa cambia per i lavoratori? Licenziamento Job Act articolo 18 Con il Jobs Act il Governo Renzi ha deciso di cambiare le regole previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Gli assunti a partire dal 2015 non avranno infatti le tutele previste dall'articolo 18, che fino al 2014 prevedeva il reintegro del dipendente in azienda in caso di licenziamento illegittimo. M...
Licenziamenti Jobs Act: le nuove regole in vigore da marzo 2015 Licenziamenti Jobs Act: come cambia la normativa Lo scorso 7 marzo 2015 è entrato in vigore il D.Lgs. 23/2015, uno dei principali decreti attuativi del Jobs Act. Il decreto descrive il funzionamento del contratto di lavoro a tutele crescenti e modifica le norme per i licenziamenti individuali e collettivi di impiegati, operai e quadri assunti a te...
Licenziamento periodo di comporto, quando si verifica la rinuncia? Cos’è il licenziamento periodo di comporto Il periodo di comporto è l’arco temporale in cui il dipendente assente per malattia ha diritto a conservare il posto di lavoro, ossia non può essere licenziato. Fanno tuttavia eccezione i licenziamenti per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o totale cessazione dell’attività di impresa. In tutt...
Contributo di licenziamento: di cosa si tratta e come funziona Contributo di licenziamento cos'è e quando è previsto L’azienda che decide di licenziare un dipendente deve sostenere una spesa obbligatoria, che prende il nome di contributo di licenziamento. Si tratta di una forma di contribuzione, introdotta dalla legge Fornero, finalizzata al finanziamento delle prestazioni di disoccupazione erogate attraverso...
Licenziamento ad nutum preavviso e casi di nullità Licenziamento ad nutum significato e applicazione L’ordinamento italiano prevede che il recesso da parte del datore di lavoro deve essere sorretto da una motivazione valida (giusta causa, giustificato motivo oggettivo o giustificato motivo soggettivo). Tuttavia questa regola generale non si applica in alcune limitate ipotesi, in cui il datore di l...
Art 7 statuto dei lavoratori: quando scattano le sanzioni? Come sono regolate le sanzioni ai dipendenti dall’art 7 statuto dei lavoratori L’art 7 statuto dei lavoratori prevede per i datori di lavoro l’obbligo di affiggere in azienda, in un luogo accessibile a tutti, le norme e le relative sanzioni applicate in caso di infrazioni o inadempimenti contrattuali. Tali regole devono corrispondere a quanto stab...
Preavviso dimissioni: quando è richiesto Cos’è il preavviso dimissioni Il lavoratore dipendente che decide interrompere il rapporto lavorativo deve comunicare, con un dovuto preavviso, questa sua volontà al datore di lavoro, redigendo la cosiddetta lettera di dimissioni. Vi sono comunque delle dimissioni per le quali non è prevista l’accettazione, in questo caso il loro effetto è pro...
Lettera Licenziamento Giusta Causa Lettera licenziamento giusta causa o giustificato motivo Per licenziare un lavoratore è necessario che si verifichino determinate situazioni legate alla condotta del soggetto o alla riorganizzazione aziendale. Le motivazioni legate alla condotta del lavoratore si dividono in: giusta causa e giustificato motivo soggettivo. Con l’espressione “giu...
job act legge