Licenziamento Job Act: cosa cambia per i lavoratori?

Licenziamento Job Act articolo 18

Con il Jobs Act il Governo Renzi ha deciso di cambiare le regole previste per il licenziamento dei lavoratori dipendenti. Gli assunti a partire dal 2015 non avranno infatti le tutele previste dall’articolo 18, che fino al 2014 prevedeva il reintegro del dipendente in azienda in caso di licenziamento illegittimo. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le novità introdotte dal Job Act in materia di licenziamento.

Sebbene nel 2012 la Riforma Fornero avesse ridotto sensibilmente l’area di applicazione dell’articolo 18, fino all’entrata in vigore del Jobs Act era possibile reintegrare il dipendente licenziato senza giusta causa.

Se un giudice accertava che il licenziamento era avvenuto per un motivo inesistente, il lavoratore poteva avere indietro il proprio posto di lavoro. In alternativa alla parte lesa veniva proposto un risarcimento in denaro, per un importo pari a un numero di mensilità percepite compreso tra 15 e 24.

Dal 2015 il reintegro del dipendente è possibile solo in caso di licenziamento per motivi discriminatori o in caso di licenziamenti per motivi disciplinari, ma solo a condizione che il provvedimento risulti illegittimo.

Licenziamento Job Act indennizzo

Un’altra novità è rappresentata dall’opportunità per l’imprenditore di presentare una proposta di conciliazione. Avvenuto il licenziamento il datore di lavoro può offrire al dipendente un’indennità economica con un importo pari ad una mensilità percepita per ogni anno di anzianità lavorativa (con un minimo di 2 e un massimo di 18 anni).

Se il dipendente accetta l’offerta e rinuncia ad impugnare il licenziamento, il risarcimento ottenuto è esente da imposte e contributi.

Ricordiamo infine che il Job Act ha esteso l’indennizzo, al posto del reintegro, anche ai licenziamenti collettivi, per i quali con la legge Fornero il lavoratore aveva diritto ad essere reintegrato con l’articolo 18.

 

Licenziamento Giusta Causa

Accertamento malattia dipendente Accertamento malattia dipendente: visite fiscali Inps e ASL Le assenze dal lavoro per malattia rientrano tra le assenze giustificate, poiché la malattia altera le capacità lavorative. Il dipendente in malattia ha infatti diritto al mantenimento del proprio posto di lavoro e percepisce un’indennità. L’assenza per malattia non determina inoltre l’in...
Leggi licenziamento lavoro: le modifiche del Jobs Act Leggi licenziamento lavoro per motivi economici Il Jobs Act del governo Renzi ha cambiato radicalmente le normative che regolano il licenziamento dei lavorati dipendenti nel settore privato. In questo approfondimento passeremo in rassegna le maggiori modifiche apportate dalla riforma del lavoro in tema di licenziamenti, che si applicano ai neoassu...
Differenza dimissioni licenziamento Differenza dimissioni licenziamento: cosa cambia Licenziamento e dimissioni sono i due atti che permettono la conclusione anticipata e unilaterale del rapporto di lavoro. Le dimissioni sono il documento con cui il lavoratore dipendente recede il contratto di lavoro e hanno effetto nel momento in cui ne viene data comunicazione al datore di lavoro....
Jobs Act: cosa è cambiato in materia di licenziamenti? Nuovo contratto a tutele crescenti: le regole del Jobs Act per il licenziamento Entrato in vigore da più di un mese il Jobs Act ha segnato un profondo cambiamento nel mondo del lavoro, introducendo il contratto a tutele crescenti. Il D. Lgs. n. 23 del 4 marzo 2015, primo decreto attuativo del Jobs Act (legge 183/2014), prevede infatti per i nuovi ...
Licenziamento periodo di comporto, quando si verifica la rinuncia? Cos’è il licenziamento periodo di comporto Il periodo di comporto è l’arco temporale in cui il dipendente assente per malattia ha diritto a conservare il posto di lavoro, ossia non può essere licenziato. Fanno tuttavia eccezione i licenziamenti per giusta causa, giustificato motivo oggettivo o totale cessazione dell’attività di impresa. In tutt...
Art 2119 codice civile e giusta causa di licenziamento Cos’è la giusta causa di licenziamento secondo l’art 2119 codice civile Un lavoratore dipendente assunto con contratto a tempo indeterminato può essere licenziato in tronco solo a fronte di una giusta causa di licenziamento. La nozione di giusta causa è espressa nell’art 2119 codice civile, che la definisce come un impedimento di una gravità tale ...
Lettera Licenziamento Giusta Causa Lettera licenziamento giusta causa o giustificato motivo Per licenziare un lavoratore è necessario che si verifichino determinate situazioni legate alla condotta del soggetto o alla riorganizzazione aziendale. Le motivazioni legate alla condotta del lavoratore si dividono in: giusta causa e giustificato motivo soggettivo. Con l’espressione “giu...
Licenziamento disoccupazione Inps: chi può ottenere Naspi Licenziamento disoccupazione Inps: l’interpello Ministero-CISL L’indennità di disoccupazione Naspi può essere riconosciuta anche ai lavoratori licenziati per motivi disciplinari? È possibile ottenere la Naspi se il dipendente ha accettato la conciliazione agevolata prevista dal Jobs Act? Questi i quesiti dell’istanza per interpello avanzata dalla ...
licenziamento Job Act