Conciliazione licenziamento: guida sulle procedure da seguire

Conciliazione licenziamento individuale: quali le procedure? Quando utilizzarle?

Con il Jobs Act il Governo Renzi ha modificato la normativa riguardante la conciliazione in caso di licenziamento di un lavoratore dipendente. A seconda della situazione, in caso di contenzioso sul lavoro, è possibile applicare una delle seguenti procedure: conciliazione facoltativa, preventiva e a tutele crescenti. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Conciliazione facoltativa. Con il Dlgls n.183/2010, il tentativo di conciliazione difronte alla Commissione della Direzione Provinciale del Lavoro è tornato facoltativo. In altre parole, in caso di controversia individuale le parti possono scegliere se rivolgersi o meno al giudice.

È possibile ricorrere alla conciliazione facoltativa solo se la vertenza ha come oggetto uno delle seguenti argomenti:

  • pretesa retributiva
  • costituzione del rapporto di lavoro
  • violazione del dovere di fedeltà
  • violazione del patto di non concorrenza
  • impugnazione del licenziamento
  • illegittime modalità di attuazione del diritto di sciopero
  • risarcimento danni
  • violazione di obblighi di sicurezza e igiene sul lavoro.

Ma qual è la procedura da seguire? La parte che propone la conciliazione (dipendente o datore di lavoro) presenta domanda presso la Segreteria delle Commissioni provinciali competente. la controparte ha 20 giorni a partire dalla data della richiesta, o da quella di ricezione dell’istanza al convenuto, per depositare le proprie memorie e le eventuali domande in via riconvenzionale.

Nei successivi 10 giorni, le due parti saranno convocate dinanzi a una commissione della DPL per effettuare il tentativo di conciliazione. Nel caso si raggiunga un accordo, anche parziale, viene redatto un verbale sottoscritto dalle due parti. Il giudice del lavoro, su istanza di parte, rende poi esecutivo il decreto. Se invece non si raggiunge l’accordo conciliativo, la commissione deve sottoporre alle parti una proposta conciliativa da inserire a verbale.

Conciliazione licenziamento per giustificato motivo oggettivo: la conciliazione preventiva

Conciliazione preventiva. Si tratta di una procedura obbligatoria per i datori di lavoro che contano più di 15 dipendenti in una singola unità produttiva, o più di 60 a livello nazionale. la normativa vigente prevede però l’obbligo di applicare la conciliazione preventiva solo per i licenziamenti avvenuti per giustificato motivo oggettivo.

Prima di procedere al licenziamento, il datore di lavoro deve intraprendere la conciliazione preventiva, volta all’esame congiunto dei motivi alla base del licenziamento e al raggiungimento di un eventuale accordo tra le parti. Vediamo l’iter da seguire.

Il datore di lavoro invia alla Direzione Territoriale del Lavoro una comunicazione in cui dichiara la volontà di licenziare il dipendente. Entro 7 giorni dalla ricezione, la DTL convoca le parti. In caso di mancata convocazione entro il termine stabilito, è possibile procedere al licenziamento. In caso contrario, l’incontro si svolge dinanzi alla Commissione di Conciliazione e la procedura deve concludersi entro 20 giorni dalla trasmissione della convocazione.

Nel caso il tentativo di conciliazione abbia esito positivo e preveda la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, il dipendente (in deroga alla disciplina ordinaria) avrà diritto alla nuova indennità di disoccupazione Aspi.

Conciliazione licenziamento per dipendenti a tutele crescenti

Conciliazione a tutele crescenti. Introdotta dal Jobs Act, questa nuova tipologia di conciliazione si applica esclusivamente ai contenziosi sorti per:

  • lavoratori trasformati da lavoro a termine a tempo indeterminato dal 7 marzo 2015
  • lavoratori assunti a tempo indeterminato dal 7 marzo 2015
  • lavoratori qualificati da un rapporto di apprendistato dal 7 marzo 2015.

In caso di licenziamento di un dipendente assunto a tutele crescenti, il datore di lavoro può ricorre alla conciliazione al fine di evitare l’impugnazione del licenziamento. In questo modo al lavoratore viene offerto un risarcimento con importo pari a 1 mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento per ogni anno di servizio. In ogni caso l’indennità dovrà essere compresa tra 2 e 18 mensilità.

Se il lavoratore accetta, il rapporto si estingue e il dipendente rinuncia all’impugnazione anche nel caso in cui la procedura sia stata già attivata. La somma versata dal datore di lavoro non costituisce reddito imponibile ai fini fiscali e non è assoggettato a contribuzione previdenziale.

Ricordiamo infine che il datore di lavoro che utilizza la conciliazione a tutele crescenti, a prescindere dall’esito della trattativa, è tenuto ad effettuare una comunicazione obbligatoria tramite procedura “UNILAV – Conciliazione” sul portale Cliclavoro.

 

Licenziamento Giusta Causa

Licenziamento manager Pearson dopo l’orgia del figlio Licenziamento manager e difensore: congedati i Pearson Suo figlio insulta le prostitute thailandesi e lui perde il posto. Nigel Pearson, 51 anni, manager dei Leicester City da lungo tempo (anche se con una parentesi all'Hull City nel 2010-11) avrebbe dovuto essere riconfermato dopo la salvezza dei Foxes. La squadra, sempre agli ultimi posti della ...
Contratto di somministrazione 2015: guida al lavoro in somministrazione Contratto di somministrazione 2015: come cambia il lavoro interinale La Riforma del lavoro attuata dal Governo Renzi ha modificato le regole del lavoro interinale, che da gennaio prende il nome contratto di somministrazione. Con l’entrata in vigore del Jobs Act e dei suoi decreti attuativi, sono infatti state introdotte importanti novità nella som...
Condannato un primario assenteista, a rischio licenziamento Licenziamento per assenteismo dipendenti statali: condannati due medici a Milano Condannato il primario assenteista del Fatebenefratelli di Milano. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale, è stato condannato dal Gup di Milano a un anno e 4 mesi di carcere. Una decisone presa a fronte dei comportamenti scorretti del medico, ...
Dirigenti pubblici licenziamento e demansionamento Dirigenti pubblici normativa: nuovo emendamento in commissione Affari Costituzionali Dirigenti pubblici: per salvare il posto potranno scegliere il declassamento volontario. Lo dice un emendamento approvato al ddl sulla pubblica amministrazione. Per evitare di essere licenziato, il dirigente, rimasto senza incarico per un certo periodo, può chiede...
Bonus Assunzioni 2017: Che cos’è e come funziona? Il tema lavoro è sempre piuttosto caldo ed è una delle questioni che sta più a cuore agli italiani. Sempre più giovani, ma anche persone di mezza età, hanno difficoltà a trovare lavoro e soprattutto a ottenere dei contratti decenti. Per incentivare i datori di lavori, lo stato anche quest'anno ha proposto un bonus assunzioni 2017. Bonus Assunzioni...
Licenziamenti Auchan, a rischio oltre 1400 posti di lavoro Sciopero dei lavoratori contro i licenziamenti Auchan 2015 Scioperi e proteste nelle piazze di tutta Italia contro i licenziamenti Auchan. È successo lo scorso 9 maggio, quando folle di lavoratori sono scese nelle strade italiane per manifestare contro il piano di rilancio avviato dal noto gruppo francese. Auchan ha infatti recesso in modo unil...
Lavoro: si può parlare davvero di ripresa? Lavoro in ripresa: parla il presidente dell’Istat Il lavoro sta davvero ripartendo? È questa la domanda che sorge spontanea dopo l’intervista rilasciata dal presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, a Il Fatto Quotidiano. Alleva ha, infatti, dichiarato, senza mezzi termini, che i dati forniti dal Ministero del Lavoro e dall’Inps sono molto confusiona...
Jobs Act e cassa integrazione: cosa ci aspetta dal 2016 Jobs Act e cassa integrazione: cosa cambia con la riforma del lavoro Oltre ad affiancare il sostegno al reddito dei lavoratori disoccupati, il riordino degli ammortizzatori sociali previsto dal Jobs Act sottolinea l’abolizione della cassa integrazione in deroga a partire dal 2016. Rimarranno in vigore la cassa integrazione ordinaria e straordin...
conciliazione licenziamento