indagini licenziamento per giusta causa

Indagini licenziamento per giusta causa: di cosa si tratta

La giusta causa di licenziamento è una situazione che con conoscente la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno in via provvisoria, a causa di una condotta scorretta tenuta dal dipendente. Stando a quanto definito dalla normativa vigente, in sede di giudizio è possibile rilevare la giusta causa di licenziamento solo se la mancanza commessa dal dipendente viene riscontrata in modo concreto e non come fatto astratto.

L’accertamento della giusta causa prevede la valutazione della condotta tenuta dal dipendente, per definire se questa rappresenti effettivamente un impedimento alla prosecuzione del rapporto di lavoro. Si tratta dunque di una valutazione concreta degli aspetti inerenti la natura del rapporto di lavoro tra datore e dipendente, le mansioni svolte da dipendente e del grado responsabilità del dipendente. In altre parole si analizzano anche le circostanze che hanno portato al verificarsi del fatto e l’intenzionalità.

Un fatto che ha determinato la giusta causa di licenziamento può avere un’incidenza sul vincolo fiduciario tra le parte se commesso da un dirigente, mentre può essere meno grave se è stato commesso da un impiegato con mansioni non direttive e senza grandi responsabilità.

Secondo la giurisprudenza, se il comportamento del dipendente ha fatto venir meno il requisito della fiducia, l’assenza o la modesta entità di un danno economico a carico del datore di lavoro è irrilevante. È sufficiente, dunque, che il lavoratore abbia determinato un pericolo obiettivo di danno che sia di concreto rilievo.

Sono considerati motivi di legittimo licenziamento per giusta causa il furto a danno del datore di lavoro, l’insubordinazione, la rissa, l’ingiuria grave, l’abbandono ingiustificato del posto di lavoro e la divulgazione di segreti aziendali.

In alcuni casi possono costituire giusta causa di licenziamento anche i comportamenti tenuti al di fuori dell’attività lavorativa. Tuttavia si tratta di un fenomeno limitato a situazioni che, per via della loro natura e gravità, mettono in evidenza la totale inaffidabilità professionale del lavoratore.

Indagini licenziamento per giusta causa: perché condurre indagini

Per accertare l’esistenza della giusta causa è consigliabile affidarsi ad agenzie di investigazione specializzate nel trattare problematiche inerenti alla sfera lavorativa, come ad esempio Capta Investigazioni, uno dei principali operatori del settore.

Nei casi consentiti dalla normativa vigente, le prove che attestano l’esistenza della giusta causa di licenziamento possono essere corredate da filmati e fotografie. Documenti che possono essere utilizzati in sede giudiziaria. Prove di questo tipo sono indispensabili per dimostrare in sede di giudizio gli illeciti subiti, soprattutto se si considera che per legge le prove raccolte direttamente dall’azienda non valide.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act contratti: sanatoria per chi regolarizza i cococo Jobs Act contratti co co co: in arrivo il Decreto Dopo il passaggio alle Commissioni del Lavoro di Camera e Senato, il testo del D.lgs. sul riordino dei contratti, conferma la restrizione sui contratti di collaborazione coordinata e continuativa. Il Governo varerà a breve un decreto che da gennaio 2016 farà inquadrare ope legis tali rapporti come ...
Jobs Act 2015, in piazza a Modena per cancellare Riforma Jobs Act 2015: a Modena manifestazioni per la cancellazione della riforma Erano più di mille i lavoratori che il 26 maggio sono scesi in piazza per manifestare nei tre presidi di Modena: Bomporto, Castelnuovo e Finale Emilia. Questo il risultato della mobilitazione di Cgil e Uil contro il Jobs Act e le altre politiche economiche del Governo Renzi,...
Jobs Act e lavoro: l’occupazione non aumenta Jobs Act e lavoro subordinato: le assunzioni non sono aumentate Il Jobs Act non ha aumentato l’occupazione. Questo è ciò che si evince dai dati dell’Istat, confermando l’incertezza del mercato del lavoro che negli ultimi mesi ha visto alternarsi risultati positivi e negativi. Sembra quindi che le misure adottate dal Governo Renzi non riescano anco...
Jobs Act, controlli sul lavoro: contrario il Garante della Privacy Novità Jobs Act, controlli sul lavoro: parare contrario del Garante della Privacy Novità sul fronte dei controlli sul lavoro introdotti nel decreto attuativo del Jobs Act. Per il Garante della Privacy il controllo a distanza compiuto su telefonini e computer dei dipendenti sarebbe “invasivo”. L’intervento di Antonello Soro, presidente dell'autorit...
Lavoratori Assenteisti: Attenti agli Investigatori Assenteismo nel privato: i datori di lavoro si rivolgono alle agenzie di investigazione Aumentano i controlli per i lavoratori assenteisti. Oltre alle leggi e ai controlli medico-fiscali, ora i furbetti dovranno vedersela anche con gli investigatori privati, chiamati a verificare la trasparenza dei comportamenti condotti dai lavoratori. Pare, i...
Licenziamento statali: cosa cambia con la Legge Madia? Licenziamento statali: i dirigenti fannulloni rischiano il posto Licenziamenti, retrocessioni, trasferimenti e qualifiche. Sono questi i punti critici della riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione, che con l’approvazione del Senato ha cambiato radicalmente il mondo del pubblico impiego. Ma tra le paure dei lavoratori e le smentite del Ministe...
Lavoro: si può parlare davvero di ripresa? Lavoro in ripresa: parla il presidente dell’Istat Il lavoro sta davvero ripartendo? È questa la domanda che sorge spontanea dopo l’intervista rilasciata dal presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, a Il Fatto Quotidiano. Alleva ha, infatti, dichiarato, senza mezzi termini, che i dati forniti dal Ministero del Lavoro e dall’Inps sono molto confusiona...
Licenziato giocatore inglese: sesso con maglia della squadra Licenziato giocatore inglese, punito Jay Hart v giocatore semiprofessionista inglese, che gioca, anzi giocava, come attaccante nel Clitheroe. Il 24enne, peraltro padre di due figli, è stato beccato negli spogliatoi della squadra mentre aveva un rapporto sessuale con una tifosa, con ancora la divisa ufficiale addosso. L’incontro piccante sarebbe...
indagini licenziamento per giusta causa