Jobs Act autonomi: il ddl collegato alla stabilità 2016

Jobs Act autonomi: ecco cosa cambierà dal 2016

Gli interessi di mora per i pagamenti effettuati in ritardo si applicheranno anche ai contratti sottoscritti tra imprese e lavoratori autonomi e tra lavoratori autonomi. Le spese di formazione saranno integralmente deducibili entro il limite annuo di 10 mila euro e l’indennità di maternità verrà riconosciuta dall’Inps, indipendentemente dall’effettiva astensione dal lavoro.

Queste sono alcune delle misure di tutela che fanno parte della bozza di disegno di legge sul lavoro autonomo che è stato preso in esame durante il Consiglio dei ministri di ieri (15 ottobre 2015), che costituirà un “collegato” alla legge di Stabilità 2016.

“Il Jobs act per gli autonomi”. Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha definito la manovra durante una conferenza stampa, ricordando la protesta da parte delle partite Iva in seguito all’inasprimento del regime fiscale dello scorso anno.

Jobs Act lavoratori autonomi: tutte le modifiche della normativa

Il Governo mantiene dunque gli impegni presi nei confronti di liberi professionisti e lavoratori autonomi, ma non si è ancora esposto nei confronti di piccoli imprenditori, artigiani e commercianti iscritti alla Camera di commercio. Categorie che sono infatti escluse dal disegno di legge.

La manovra dedicata al mondo delle partite Iva e dei professionisti ha due pilastri: il Collegato e la legge di Stabilità, che tra le altre cose prevede il nuovo regime dei minimi.

Ma quali cambiamenti verranno apportati? Innanzitutto il Collegato assoggetta tutte le controversie relative ai rapporti di lavoro autonomo al rito del lavoro. L’unica eccezione è rappresentata dalle controversie che riguardano piccoli imprenditori, artigiani e commercianti.

In questo modo si supera la tradizionale distinzione dell’articolo 409 del Codice di procedura civile. Norma che stabilisce l’applicazione del rito speciale solo ai rapporti di lavoro subordinato e parasubordinato. Rivista anche la definizione di collaborazione coordinata.

Jobs Act autonomi e regole del lavoro subordinato

Il Collegato sembra perseguire anche la finalità di distinguere dal requisito della etero-organizzazione (introdotto dal Jobs Act) le modalità di coordinamento stabilite tra le parti. Le regole del lavoro subordinato non saranno invece applicate alle collaborazioni con modalità di coordinamento stabilite tra le parti, in cui il collaboratore organizza in autonomia la propria attività lavorativa.

Diverso il caso disciplinato dall’articolo 2 del Dlgs 81/2015, in cui le regole del lavoro subordinato sono applicate ai rapporti di collaborazione continuativa. Collaborazioni che si traducono in prestazioni di lavoro personali e continuative, con modalità di esecuzione organizzate dal committente anche in riferimento a tempi e luoghi di lavoro. In ogni caso per conoscere l’effettiva applicazione delle regole del lavoro subordinato e le altre modifiche alla disciplina del lavoro autonomo occorre attendere la formulazione definitiva del “Jobs Act autonomi”.

 

Licenziamento Giusta Causa

Condannato un primario assenteista, a rischio licenziamento Licenziamento per assenteismo dipendenti statali: condannati due medici a Milano Condannato il primario assenteista del Fatebenefratelli di Milano. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale, è stato condannato dal Gup di Milano a un anno e 4 mesi di carcere. Una decisone presa a fronte dei comportamenti scorretti del medico, ...
Jobs Act lavoro stagionale: contratti anche oltre 36 mesi Jobs Act lavoro stagionale cosa cambia con il D.Lgs. 81/2015 Sono scattate le novità per il lavoro stagionale. A fine giugno è entrato in vigore il D.Lgs. 81/2015, quarto decreto attuativo del Jobs Act. La nuova normativa riscrive la disciplina di molti contratti di lavoro modificando sia il Codice Civile, che diverse leggi. Al centro della riform...
Bonus assunzioni 2016: guida allo sgravio fiscale Bonus assunzioni 2016: cosa cambia con la nuova Stabilità Bonus assunzioni 2016. La nuova legge di stabilità ha riconfermato per il prossimo anno lo sgravio fiscale per chi assume a tempo indeterminato. Un’agevolazione dedicata ai datori di lavoro che assumono personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, introdotto d...
Licenziamento statali: cosa cambia con la Legge Madia? Licenziamento statali: i dirigenti fannulloni rischiano il posto Licenziamenti, retrocessioni, trasferimenti e qualifiche. Sono questi i punti critici della riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione, che con l’approvazione del Senato ha cambiato radicalmente il mondo del pubblico impiego. Ma tra le paure dei lavoratori e le smentite del Ministe...
Licenziamenti collettivi Grecia: sì, se richiesti dalla Troika Rischio di licenziamento collettivo in Grecia: colpititi giornalisti e addette alle pulizie Appena riassunti rischiano di nuovo il licenziamento. Sono i lavoratori che la Syriza ha reintegrato di recente e che adesso potrebbero essere di nuovo licenziati. Il nuovo memorandum imposto dalla troika al governo Tsipras, contiene infatti una postilla ch...
Jobs Act decreti attuativi: passano gli ultimi quattro Jobs Act decreti attuativi: arriva il sì del Senato Il Senato si è espresso positivamente in merito agli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs Act. Dopo il via libera del Cdm e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, le nuove normative saranno legge, completando così il percorso della riforma del lavoro. A dare la notizia è stata Anna Maria...
Jobs Act lavoro a tempo parziale più flessibile Jobs Act lavoro a tempo parziale: le nuove regole di flessibilità Il “Codice dei contratti” del Jobs Act modifica la disciplina del lavoro a tempo parziale, intervenendo su aspetti sostanziali. Nello specifico gli artt. 4-12 della sezione I del Capo II del decreto n. 81/2015 (“Lavoro ad orario ridotto e flessibile”) prevedono, in materia di rappor...
Voucher lavoro, +74,7% rispetto al 2014 Voucher lavoro occasionale: si rischia una nuova frontiera del precariato Oltre 49 milioni di voucher lavoro nel primo semestre del 2015. Sono questi i dati pubblicati dall’Inps in merito all’impennata dei buoni usati per pagare le prestazioni lavorative occasionali: incremento del 74,7% rispetto all’anno precedente. Un evento che manifesta il suc...
jobs act autonomi