Jobs Act decreti attuativi: finiscono così cococo e cocopro

Jobs Act decreti attuativi 2015: ecco cosa cambierà

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera definitivo per i due decreti attuativi del Jobs act relativi alle misure per la conciliazione delle esigenze di cura, vita e di lavoro e al testo organico semplificato delle tipologie contrattuali.

Arriva il sì, in questo caso il primo, anche per i quattro schemi di decreti legislativi che mirano al riordino degli ammortizzatori sociali, revisione dell’Agenzia per le ispezioni, politiche attive e semplificazione di procedure e adempimenti. L’unico tema che non è stato affrontato nella delega del Jobs act “è quello del salario minimo”, ha dichiarato in una conferenza stampa al termine della riunione il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.

Jobs Act decreti attuativi cocopro: basta finte collaborazioni

Il Decreto sul riordino dei contratti segna la fine delle finte collaborazioni a progetto. Si salveranno solo quelle in corso, fino alla data prevista per la fine del contratto. Dal gennaio prossimo ai rapporti di collaborazione che si concretizzano in prestazioni “esclusivamente personali, continuative e organizzate dal committente, anche in riferimento a tempi e a luoghi di lavoro” si applicherà la disciplina prevista per il lavoro subordinato.

Confermato anche il limite del 20% per l’utilizzo del contratto a termine. Le aziende che superano questo tetto dovranno pagare una multa pari al 50% della retribuzione mensile del dipendente. Importo che andrà a risarcire lo stesso lavoratore. A differenza di quanto si vociferava nei mesi scorsi, però, non è previsto l’obbligo di conversione del rapporto in un contratto a tempo indeterminato.

All’interno del Decreto sul riordino dei contratti troviamo anche l’introduzione del contratto di apprendistato scolastico, ideato sul modello duale tedesco. Grazie ad un ampliamento della sperimentazione Carrozza, l’apprendistato duale interessa gli studenti di istituti superiori a partire da 15 anni di età e ha una durata massima di 4 anni.

Jobs Act decreti attuativi e cassa integrazione

Per quanto riguarda la conciliazione tra vita privata e lavoro, sono previsti interventi a sostegno della maternità. Nello specifico il provvedimento tratta l’utilizzo del congedo parentale facoltativo, allungando il periodo previsto per usufruire di quello non retribuito fino ai 12 anni di età del figlio (al momento l’età massima è 8 anni) e fino a 6 anni (contro i 3 attuali) per quello parzialmente retribuito (al 30%).

Il Decreto sul riordino degli ammortizzatori sociali prevede invece la riduzione dei tempi per la cassa integrazione, sia ordinaria che straordinaria, che viene portata a 24 mesi (30 per le imprese edili) in un quinquennio mobile. Lo strumento sarà esteso alle imprese con più di cinque dipendenti, che potranno richiedere le prestazioni di cassa integrazione per eventi di sospensione o riduzione del lavoro che si verificheranno dal primo luglio 2016.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act apprendistato, voucher e part time: cosa cambia Jobs Act apprendistato cosa cambia Il decreto attuativo del Jobs Act pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno ha definito il riordino dei contratti di lavoro esistenti. La nuova normativa introduce importanti novità sia per il contratto di apprendistato che in materia di lavoro accessorio (voucher) creando non poche incertezze tra gli imprend...
Bonus Assunzioni 2017: Che cos’è e come funziona? Il tema lavoro è sempre piuttosto caldo ed è una delle questioni che sta più a cuore agli italiani. Sempre più giovani, ma anche persone di mezza età, hanno difficoltà a trovare lavoro e soprattutto a ottenere dei contratti decenti. Per incentivare i datori di lavori, lo stato anche quest'anno ha proposto un bonus assunzioni 2017. Bonus Assunzioni...
Jobs Act, controlli sul lavoro: contrario il Garante della Privacy Novità Jobs Act, controlli sul lavoro: parare contrario del Garante della Privacy Novità sul fronte dei controlli sul lavoro introdotti nel decreto attuativo del Jobs Act. Per il Garante della Privacy il controllo a distanza compiuto su telefonini e computer dei dipendenti sarebbe “invasivo”. L’intervento di Antonello Soro, presidente dell'autorit...
Licenziamenti pubblica amministrazione: ora è più facile Revoca dell’incarico e licenziamenti pubblica amministrazione: nuova delega al ddl Licenziamenti più facili e stretta sulle assenze, con il trasferimento all’Inps dei controlli in caso di malattia. Ruolo unico per i dirigenti, che potranno fare carriera solo se riceveranno valutazioni positive, avranno incarichi a tempo determinato e potranno anch...
Come dimettersi per via telematica? – Guida per la procedura online Dal 16 marzo 2016 grazie al Jobs Act, è possibile presentare le proprie dimissioni tramite procedura online. La modalità telematica è obbligatoria e l'unica possibile per i lavoratori dipendenti che vogliano interrompere il rapporto lavorativo volontariamente. Tuttavia per questa categoria, esistono delle eccezioni che tratteremo nello specifico...
Jobs Act autonomi: il ddl collegato alla stabilità 2016 Jobs Act autonomi: ecco cosa cambierà dal 2016 Gli interessi di mora per i pagamenti effettuati in ritardo si applicheranno anche ai contratti sottoscritti tra imprese e lavoratori autonomi e tra lavoratori autonomi. Le spese di formazione saranno integralmente deducibili entro il limite annuo di 10 mila euro e l'indennità di maternità verrà ricon...
Licenziamenti collettivi Grecia: sì, se richiesti dalla Troika Rischio di licenziamento collettivo in Grecia: colpititi giornalisti e addette alle pulizie Appena riassunti rischiano di nuovo il licenziamento. Sono i lavoratori che la Syriza ha reintegrato di recente e che adesso potrebbero essere di nuovo licenziati. Il nuovo memorandum imposto dalla troika al governo Tsipras, contiene infatti una postilla ch...
Licenziamenti Auchan, a rischio oltre 1400 posti di lavoro Sciopero dei lavoratori contro i licenziamenti Auchan 2015 Scioperi e proteste nelle piazze di tutta Italia contro i licenziamenti Auchan. È successo lo scorso 9 maggio, quando folle di lavoratori sono scese nelle strade italiane per manifestare contro il piano di rilancio avviato dal noto gruppo francese. Auchan ha infatti recesso in modo unil...
jobs act decreti attuativi