Jobs Act decreti attuativi: finiscono così cococo e cocopro

Jobs Act decreti attuativi 2015: ecco cosa cambierà

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera definitivo per i due decreti attuativi del Jobs act relativi alle misure per la conciliazione delle esigenze di cura, vita e di lavoro e al testo organico semplificato delle tipologie contrattuali.

Arriva il sì, in questo caso il primo, anche per i quattro schemi di decreti legislativi che mirano al riordino degli ammortizzatori sociali, revisione dell’Agenzia per le ispezioni, politiche attive e semplificazione di procedure e adempimenti. L’unico tema che non è stato affrontato nella delega del Jobs act “è quello del salario minimo”, ha dichiarato in una conferenza stampa al termine della riunione il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti.

Jobs Act decreti attuativi cocopro: basta finte collaborazioni

Il Decreto sul riordino dei contratti segna la fine delle finte collaborazioni a progetto. Si salveranno solo quelle in corso, fino alla data prevista per la fine del contratto. Dal gennaio prossimo ai rapporti di collaborazione che si concretizzano in prestazioni “esclusivamente personali, continuative e organizzate dal committente, anche in riferimento a tempi e a luoghi di lavoro” si applicherà la disciplina prevista per il lavoro subordinato.

Confermato anche il limite del 20% per l’utilizzo del contratto a termine. Le aziende che superano questo tetto dovranno pagare una multa pari al 50% della retribuzione mensile del dipendente. Importo che andrà a risarcire lo stesso lavoratore. A differenza di quanto si vociferava nei mesi scorsi, però, non è previsto l’obbligo di conversione del rapporto in un contratto a tempo indeterminato.

All’interno del Decreto sul riordino dei contratti troviamo anche l’introduzione del contratto di apprendistato scolastico, ideato sul modello duale tedesco. Grazie ad un ampliamento della sperimentazione Carrozza, l’apprendistato duale interessa gli studenti di istituti superiori a partire da 15 anni di età e ha una durata massima di 4 anni.

Jobs Act decreti attuativi e cassa integrazione

Per quanto riguarda la conciliazione tra vita privata e lavoro, sono previsti interventi a sostegno della maternità. Nello specifico il provvedimento tratta l’utilizzo del congedo parentale facoltativo, allungando il periodo previsto per usufruire di quello non retribuito fino ai 12 anni di età del figlio (al momento l’età massima è 8 anni) e fino a 6 anni (contro i 3 attuali) per quello parzialmente retribuito (al 30%).

Il Decreto sul riordino degli ammortizzatori sociali prevede invece la riduzione dei tempi per la cassa integrazione, sia ordinaria che straordinaria, che viene portata a 24 mesi (30 per le imprese edili) in un quinquennio mobile. Lo strumento sarà esteso alle imprese con più di cinque dipendenti, che potranno richiedere le prestazioni di cassa integrazione per eventi di sospensione o riduzione del lavoro che si verificheranno dal primo luglio 2016.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act salario minimo eliminato: ecco le novità introdotte Jobs Act salario minimo eliminato dai decreti attuativi Era previsto nella delega del Jobs Act, ma è stato poi eliminato con i decreti attuativi. Eppure il salario minimo poteva essere un ottimo strumento per contrastare l’aumento della povertà in Italia. Attualmente, lo ricordiamo, nel nostro paese il salario minimo viene stabilito tramite contra...
Jobs Act pensioni anticipate grazie al part time Jobs Act pensioni 2015: lavoratori dipendenti in pensione con il part time In pensione con il part time. È questa la nuova misura messa a punto dal Jobs Act per consentire ai lavoratori italiani di accedere al pensionamento anticipato. Introdotta dal comma 5 dell’articolo 41 del Dlgs 148/2015 la trasformazione da full time a part time si applica a...
Jobs Act congedo parentale a ore, procedura sospesa Jobs Act congedo parentale a ore bloccato: disagi per i genitori italiani Bloccato il congedo parentale a ore. La novità introdotta dal Jobs Act si è fermata prima ancora di partire. Per far sì che questo strumento prenda il via infatti, infatti, è necessario aspettare la relativa circolare dell’Inps. Documento che però, dopo quasi due mesi dall’a...
Jobs Act e cassa integrazione: cosa ci aspetta dal 2016 Jobs Act e cassa integrazione: cosa cambia con la riforma del lavoro Oltre ad affiancare il sostegno al reddito dei lavoratori disoccupati, il riordino degli ammortizzatori sociali previsto dal Jobs Act sottolinea l’abolizione della cassa integrazione in deroga a partire dal 2016. Rimarranno in vigore la cassa integrazione ordinaria e straordin...
Licenziamenti pubblica amministrazione: ora è più facile Revoca dell’incarico e licenziamenti pubblica amministrazione: nuova delega al ddl Licenziamenti più facili e stretta sulle assenze, con il trasferimento all’Inps dei controlli in caso di malattia. Ruolo unico per i dirigenti, che potranno fare carriera solo se riceveranno valutazioni positive, avranno incarichi a tempo determinato e potranno anch...
I “furbetti” del Jobs Act: licenziamenti e assunzioni per incentivi Dipendenti licenziati e riassunti pochi mesi dopo. È questo lo stratagemma che hanno utilizzato diversi imprenditori tra Piacenza e Reggio Emilia, per beneficiare degli incentivi della legge di stabilità. Un fenomeno etichettato dalle associazioni sindacali come esempio di furbetti del Jobs Act. Un meccanismo che ora si ripete a San Vito al Tagl...
Jobs Act apprendistato, voucher e part time: cosa cambia Jobs Act apprendistato cosa cambia Il decreto attuativo del Jobs Act pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno ha definito il riordino dei contratti di lavoro esistenti. La nuova normativa introduce importanti novità sia per il contratto di apprendistato che in materia di lavoro accessorio (voucher) creando non poche incertezze tra gli imprend...
Jobs Act sito governo, la riforma del lavoro sbarca sul Web Jobs Act sito governo: il portale per capire meglio la riforma Arriva il sito ufficiale del Jobs Act. Alla tanto discussa riforma del lavoro, il Governo Renzi ha pensato bene di dedicare un sito internet. “Jobs Act, l’Italia cambia il lavoro”, questo lo slogan che apre l’home page del portale curato dai Ministero del lavoro e delle politiche socia...
jobs act decreti attuativi