Licenziamenti collettivi Grecia: sì, se richiesti dalla Troika

Rischio di licenziamento collettivo in Grecia: colpititi giornalisti e addette alle pulizie

Appena riassunti rischiano di nuovo il licenziamento. Sono i lavoratori che la Syriza ha reintegrato di recente e che adesso potrebbero essere di nuovo licenziati. Il nuovo memorandum imposto dalla troika al governo Tsipras, contiene infatti una postilla che autorizza, al verificarsi di certe situazioni, i creditori internazionali a richiedere all’esecutivo i licenziamenti collettivi nel settore pubblico.

Sembra che le categorie maggiormente colpite, in caso di eventuali licenziamenti, sarebbero le addette alle pulizie dei ministeri e i giornalisti della televisione pubblica Ert. Lavoratori che rappresentano i due bacini di riferimento di una possibile richiesta da Berlino.

Possibili licenziamenti collettivi per le donne delle pulizie dei ministeri

Dopo aver subito il taglio con l’esecutivo Samaras, le addette alle pulizie erano state riassunte da Tsipras nei primi cento giorni di governo, dopo numerose proteste, lo scorso marzo. in quei giorni Lili Giannakaki, leader del movimento delle donne delle pulizie, manifestava tutta la sua soddisfazione.

Ma dopo che l’allora ministro dell’economia Varoufakis, aveva indicato la riassunzione come una delle prime misure del governo Tsipras, Lili aveva smesso di fare presidi sotto i palazzi del Governo greco in tende da campeggio, e organizzare manifestazioni con scope e stracci in mano.

Ma probabilmente dovrà ricominciare molto presto, dato che entro domani (mercoledì 15 luglio) il Governo deve approvare le riforme concordate con i creditori. A quel punto, se da Berlino venissero sollecitati dei licenziamenti collettivi, Tsipras e il suo governo dovrebbero eseguire quanto richiesto.

Conseguenze del licenziamento giornalisti Ert

Per quanto riguarda invece i giornalisti di Ert, questi sono appena stati reintegrati da Tsipras, dopo la chiusura del 2013. Si tratta di lavoratori che per un anno e mezzo sono stati i primi ed unici in Europa ad aver perso il posto dopo la ristrutturazione di trasmissione televisiva, su pressioni della troika. Una decisione annunciata da Simos Kedikoglou, allora sottosegretario alla presidenza del consiglio, che mise in crisi ben 2700 famiglie.

Erano i mesi in cui il governo Samaras decise, da solo, del destino della televisione di Stato. Dal giorno della sua chiusura ad oggi, la tv pubblica greca, accusata anche di avere i bilanci in rosso, non ha prodotto alcun vantaggio. La chiusura infatti non ha portato alle casse dello Stato neanche un euro di guadagno, anzi.

Sono in molti i lavoratori, colpiti dai licenziamenti collettivi, che hanno fatto causa allo Stato per ottenere il risarcimento dei danni. Senza contare che la Grecia dovrà pagare le penali relative all’annullamento di contratti siglati da Ert, come ad esempio quelli per gare sportive mai trasmesse e programmi già finanziati.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act e demansionamento: la questione legittimità Jobs Act e demansionamento: cosa cambia con i nuovi decreti attuativi Con l’approvazione degli ultimi decreti attuativi del Jobs Act è stato introdotto il demansionamento dei lavoratori. Ma cosa significa? Quali sono gli effetti? Il demansionamento consiste nell’assegnazione di mansioni inferiori a quelle per le quali è stato assunto. La normativa...
Voucher lavoro, +74,7% rispetto al 2014 Voucher lavoro occasionale: si rischia una nuova frontiera del precariato Oltre 49 milioni di voucher lavoro nel primo semestre del 2015. Sono questi i dati pubblicati dall’Inps in merito all’impennata dei buoni usati per pagare le prestazioni lavorative occasionali: incremento del 74,7% rispetto all’anno precedente. Un evento che manifesta il suc...
I “furbetti” del Jobs Act: licenziamenti e assunzioni per incentivi Dipendenti licenziati e riassunti pochi mesi dopo. È questo lo stratagemma che hanno utilizzato diversi imprenditori tra Piacenza e Reggio Emilia, per beneficiare degli incentivi della legge di stabilità. Un fenomeno etichettato dalle associazioni sindacali come esempio di furbetti del Jobs Act. Un meccanismo che ora si ripete a San Vito al Tagl...
Jobs Act controlli a distanza su Pc e telefonini Jobs Act controlli a distanza: riletto l’articolo 4 Dopo la cancellazione dell’articolo 18, dallo Statuto dei lavoratori viene rimosso anche l’art 4. È questa la principale conseguenza della Riforma del mercato del lavoro, che introduce la possibilità per le aziende di controllare a distanza i propri dipendenti utilizzando audiovisivi, (come compu...
Contratto di somministrazione 2015: guida al lavoro in somministrazione Contratto di somministrazione 2015: come cambia il lavoro interinale La Riforma del lavoro attuata dal Governo Renzi ha modificato le regole del lavoro interinale, che da gennaio prende il nome contratto di somministrazione. Con l’entrata in vigore del Jobs Act e dei suoi decreti attuativi, sono infatti state introdotte importanti novità nella som...
Licenziamenti tutele crescenti: i primi dopo il Jobs Act Arrivano i primi licenziamenti tutele crescenti: tre operai a casa dopo 8 mesi A meno di un anno dall’entrata in vigore della riforma del lavoro, arrivano i primi licenziamenti con contratto a tutele crescenti. A perdere il posto sono tre operai della cartiera Pigna Envelopes di Tolmezzo (Udine). Assunti a marzo 2015 con il nuovo contratto a te...
Jobs Act, controlli sul lavoro: contrario il Garante della Privacy Novità Jobs Act, controlli sul lavoro: parare contrario del Garante della Privacy Novità sul fronte dei controlli sul lavoro introdotti nel decreto attuativo del Jobs Act. Per il Garante della Privacy il controllo a distanza compiuto su telefonini e computer dei dipendenti sarebbe “invasivo”. L’intervento di Antonello Soro, presidente dell'autorit...
Dimissioni on line, introdotte con il Jobs Act Dimissioni on line 2015 le nuove regole per la presentazione delle dimissioni volontarie Il Jobs Act ha modificato le regole per le dimissioni dei lavoratori dipendenti. Una decisione che ha creato dibattiti in merito al diritto di dimissioni dal lavoro da parte di alcune associazioni sindacali che temono di veder minati i diritti dei lavoratori. ...
licenziamenti collettivi