Licenziamenti UnipolSai: 26 dipendenti licenziati in tronco

Licenziamenti UnipolSai: a casa 26 dipendenti

UnipolSai licenzia 26 dipendenti per “esubero anagrafico”. “La tristissima vicenda dei licenziamenti collettivi non poteva avere un epilogo peggiore” hanno commentano i Coordinamenti dei sindacati Fna e Snfia, ricordando che tali provvedimenti sono conseguenti all’accordo per l’inversione dei criteri, sottoscritto dalle Organizzazioni Confederali.

Tale intesa prevedeva infatti il licenziamento di 26 dipendenti ex Legge 223/91 in seguito all’attivazione di una procedura volta a scardinare il principio della volontarietà, utilizzando “come pretesto” quello che le associazioni sindacali hanno definito “ un settore importante e sofferente come è quello dei Sinistri”.

Stando a quanto riportato dai rappresentanti dei lavoratori che a fine 2014 non hanno sottoscritto l’accordo, l’azienda avrebbe convocato i soggetti interessati dal provvedimento “per comunicazioni inerenti il rapporto di lavoro”, consegnando poi le lettere di licenziamento “con effetto immediato”. UnipolSai avrebbe quindi impedito ai dipendenti di avvalersi dell’assistenza sindacale, negando ai rappresentati l’ingresso durante i colloqui.

Scorrettezze nei licenziamenti UnipolSai

Tra i licenziati figurano anche lavoratori assenti per malattia, nonostante questa sia una pratica in netto contrasto con la normativa vigente. La procedura adottata, inoltre, ha obbligato i soggetti licenziati ad abbandonare immediatamente il posto di lavoro, scortati dal servizio di sorveglianza, che gli ha consentito solo di ritirare gli effetti personali.

Un trattamento, rimarcano Fna e Snfia, che non è stato riservato nemmeno a “dipendenti che hanno commesso gravi illeciti e che vengono licenziati in tronco”. I licenziamenti UnipolSai, sempre secondo i sindacati, si sarebbero basati su un presupposto ingiustificato, soprattutto se si tiene conto che il Gruppo dichiara, grazie all’impegno dei propri dipendenti, diverse centinaia di milioni di utile e preannuncia investimenti per circa 300 milioni di euro.

UnipolSai licenziamenti: quali le conseguenze

Ma a cosa ha condotto la misura riorganizzativa applicata da UnipolSai? Secondo le associazioni sindacali a poco, dato che non ha generato i risultati attesi ed evidenzia una flessione degli incassi e inefficienze in vari settori dell’azienda. Senza contare che è già stata annunciata la chiusura di un vasto numero di centri di liquidazione sinistri.

Una manovra che porterebbe a un peggioramento del servizio offerto e notevoli disagi ai lavoratori addetti presso le sedi in chiusura, che potrebbero doversi trasferire presso un’altra sede, o cambiare residenza in un’altra città. Insomma un comportamento in netto contrasto con la politica aziendale, dato che UnipolSai si è sempre detta attenta ai propri lavoratori e alle ricadute sociali delle proprie decisioni.

 

Licenziamento Giusta Causa

Jobs Act assunzioni in aumento: tutto merito dell’estate? Jobs Act assunzioni in crescita a maggio: ecco le ragioni In aumento i rapporti di lavoro in Italia. Lo ha detto il Ministero del Lavoro, dichiarando che a maggio 2015 sono stati sottoscritti 184707 nuovi contratti. Un dato senza dubbio positivo, ma che certo non deve sorprendere. Le nuove assunzioni sono, infatti, piuttosto in linea con quelle re...
Licenziamento patto di prova: gli aspetti normativi Licenziamento patto di prova: come si struttura l’accordo Il patto di prova è utilizzato nel rapporto di lavoro subordinato, per tutelare il datore e il lavoratore che intendono sottoscrivere un contratto tra loro. Si tratta, infatti, di un accordo attraverso il quale entrambe le parti possano verificare la convenienza del rapporto di lavoro. Prop...
Jobs Act apprendistato, voucher e part time: cosa cambia Jobs Act apprendistato cosa cambia Il decreto attuativo del Jobs Act pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 giugno ha definito il riordino dei contratti di lavoro esistenti. La nuova normativa introduce importanti novità sia per il contratto di apprendistato che in materia di lavoro accessorio (voucher) creando non poche incertezze tra gli imprend...
Condannato un primario assenteista, a rischio licenziamento Licenziamento per assenteismo dipendenti statali: condannati due medici a Milano Condannato il primario assenteista del Fatebenefratelli di Milano. Giorgio Barzoi, primario del reparto di anestesia dell’ospedale, è stato condannato dal Gup di Milano a un anno e 4 mesi di carcere. Una decisone presa a fronte dei comportamenti scorretti del medico, ...
Come dimettersi per via telematica? – Guida per la procedura online Dal 16 marzo 2016 grazie al Jobs Act, è possibile presentare le proprie dimissioni tramite procedura online. La modalità telematica è obbligatoria e l'unica possibile per i lavoratori dipendenti che vogliano interrompere il rapporto lavorativo volontariamente. Tuttavia per questa categoria, esistono delle eccezioni che tratteremo nello specifico...
Jobs Act e lavoro: l’occupazione non aumenta Jobs Act e lavoro subordinato: le assunzioni non sono aumentate Il Jobs Act non ha aumentato l’occupazione. Questo è ciò che si evince dai dati dell’Istat, confermando l’incertezza del mercato del lavoro che negli ultimi mesi ha visto alternarsi risultati positivi e negativi. Sembra quindi che le misure adottate dal Governo Renzi non riescano anco...
Jobs Act salario minimo eliminato: ecco le novità introdotte Jobs Act salario minimo eliminato dai decreti attuativi Era previsto nella delega del Jobs Act, ma è stato poi eliminato con i decreti attuativi. Eppure il salario minimo poteva essere un ottimo strumento per contrastare l’aumento della povertà in Italia. Attualmente, lo ricordiamo, nel nostro paese il salario minimo viene stabilito tramite contra...
Dirigenti pubblici licenziamento e demansionamento Dirigenti pubblici normativa: nuovo emendamento in commissione Affari Costituzionali Dirigenti pubblici: per salvare il posto potranno scegliere il declassamento volontario. Lo dice un emendamento approvato al ddl sulla pubblica amministrazione. Per evitare di essere licenziato, il dirigente, rimasto senza incarico per un certo periodo, può chiede...
licenziamenti unipolsai